Valentino Fenni, presidente Calzaturieri Confindustria Centro Adriatico: "Fare squadra per superare la crisi: ecco cosa serve"

3' di lettura 12/01/2021 - Alle spalle uno degli anni più tragici della nostra storia, davanti a noi un 2021 che dobbiamo vivere in maniera positiva, sapendo che nel giro di qualche mese saremo tutti vaccinati contro il Covid 19. Come imprenditori, e cittadini, dobbiamo sostenere la campagna di vaccinazione di massa, unica strada per debellare il virus e far ripartire l’economia.

Purtroppo, però, nel mentre dobbiamo affrontare una situazione economica molto grave, causata dal rallentamento delle vendite che il settore calzaturiero vive da un anno. Negozi chiusi e mercati privi di fiducia hanno due conseguenze: la riduzione degli incassi e il rallentamento delle nuove produzioni. Non sappiamo ancora se il 2021 sarà l’anno del ritorno in fiera di produttori e buyer, di certo sappiamo che viverlo sul digitale è una certezza.

IL DISTRETTO

Crisi su crisi. La pandemia si è abbattuta sulle nostre aziende, già da anni penalizzate. I prossimi mesi saranno cruciali per la tenuta del sistema imprenditoriale e sociale del nostro territorio fatto di molte piccole e medie imprese. Lo sblocco dei licenziamenti, se non supportato da politiche di sostegno al reddito ma anche attive verso le imprese, avrà conseguenze irreparabili sulla filiera artigianale del calzaturiero.

LE RICHIESTE

Sappiamo di poter contare sul sostegno della Camera di Commercio delle Marche. Numerose le azioni messe in campo grazie al supporto della Regione. Speriamo, ma vogliamo essere certi, che le ‘best practice’ verranno finanziate anche dal nuovo governo delle Marche. Dal bando fiere al sostegno al credito, la Regione può fare molto.

A livello nazionale, invece, insieme con Assocalzaturifici e Confindustria Moda, stiamo potando avanti battaglie macro per ottenere sostegno e supporto al sistema calzature. Siamo certi che alcune azioni impatteranno nel presente e saranno il motore dello sviluppo per i prossimi anni. Dobbiamo investire nel futuro.

Politiche di sviluppo significa ottenere fondi, e quindi azioni, per l’internazionalizzazione. Non possiamo prescindere dai mercati internazionali, visto che l’Italia si conferma poco propensa all’acquisto di calzature made in Italy. Dobbiamo puntare sulla formazione del personale, in modo da intercettare davvero i vantaggi che la tecnologia ci offre. Infine, non possiamo arretrare di fronte alla necessità di una defiscalizzazione per il rilancio sulla competitività del costo del lavoro. Che arrivi con una Zes, zona economica speciale, o con l’inserimento delle aree di crisi marchigiane nel decreto agosto, poco importa, ma i nostri onorevoli devono raggiungere l’obiettivo.

GIOCO DI SQUADRA

Il sistema imprenditoriale deve fare squadra. Insieme, nel giro di pochi mesi, dovremo fornire un piano alla Regione su come usare i fondi del Recovery Fund nel settore moda. Il nostro distretto calzaturiero è unico in Italia e quindi uniche devono essere le azioni. Come Confindustria Centro Adriatico stiamo lavorando insieme con le altre territoriali, perché è evidente che per ripartire noi devono tornare a correre le Marche.


Da Confindustria Centro Adriatico
Ascoli Piceno e Fermo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-01-2021 alle 15:40 sul giornale del 13 gennaio 2021 - 175 letture

In questo articolo si parla di economia, fermo, ascoli piceno, confindustria, ascoli, Confindustria Centro Adriatico, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bI2A





logoEV
logoEV