Porto San Giorgio: la voce e l’anima dell’artista.

3' di lettura 30/11/2020 - Chi è? Francesco Valeri (1979), in arte “frajambo”, è un artista visivo sangiorgese. Collabora con architetti per lo sviluppo di decorazioni di interni. Cura scenografie. Accompagna musicisti con spettacoli di pittura dal vivo. Ed è un grande appassionato di design. La sua curiosità, assistita dalla pittura e dalla fotografia, lo accompagnano a conoscere, scoprire ed operare in tutto il mondo.

Il lavoro di FraJambo, sin dalle prime opere, è caratterizzato e reso unico dall’utilizzo del colore in modo fortemente evocativo, in cui i vari stili, tra passato e futuro, si mescolano con un tocco africano, continente al quale è legato da sempre.

Possiamo confrontarci con le sue realizzazioni su mura indoor ed outdoor, capi di abbigliamento, mobili, elettrodomestici, legno, carta, tela e materiali di riciclo. Non ha un vero e proprio luogo in cui mostrare i suoi frutti, ma considera la cittadina di Porto San Giorgio, un po’, come la sua galleria a cielo aperto. Pareti, serrande, locali, chalet e abitazioni private fungono da pannello espositivo per il suo operato.

Come sta svolgendo la sua professione in questo periodo storico?
FraJambo sostiene che professionisti della sua specie si trovano molto spesso a vivere in situazioni di lockdown. Un lockdown, chiaramente, figurato e dato dalla scarsa visualizzazione che nel nostro Paese hanno artisti come lui. Una professione che vive quotidianamente nascosta nell’ombra, poco valorizzata. La sua è, quindi, una figura ben allenata a periodi critici come questo, ma, purtroppo, gli sono sfuggiti importanti lavori ed iniziative nazionali ed internazionali.

In tutti i modi, però, non vuole perdersi d’animo. Prova a sfruttare al massimo il tempo a disposizione. Cerca di vedere, in questo buio, un’opportunità per fare ciò che, per mancanza di tempo, non poteva fare, come i disegni su carta per le sue opere e per i suoi progetti. Coglie, inoltre, la possibilità e l’importanza di mostrarsi sui social network in continuo aggiornamento, sempre carico di sfiziose idee e brillanti iniziative.

Non vuole perdere alcuna opportunità e sfruttare questo frangente più che mai per tornare carico di novità, vivendo sempre nella speranza che questa drammatica fase passi in fetta e porti nuova luce per la popolazione, per il mondo del lavoro, per il Paese e per il mondo intero. Dal male cerca di ricavare il bene, proprio come nei suoi progetti, dallo scarto riesce a trarre qualcosa di nuovo ed attraente.

Un consiglio di Francesco rivolto a tutti, in special modo ai suoi colleghi, è quello di non lasciarsi abbattere dal critico periodo storico, di sfruttare il momento e di provare ad affrontarlo nel migliore dei modi. Non abbandonarsi alla monotonia delle nostre mura domestiche, ma cercare di viverle ed animarle in modo filosofico e creativo. L’artista è ottimista e non si sbilancia sui suoi prossimi progetti, ma lo troveremo sempre in continua espansione, con l’obiettivo di “Jambizzare” il mondo!




Gaia Caporaletti


Questo è un articolo pubblicato il 30-11-2020 alle 12:15 sul giornale del 01 dicembre 2020 - 464 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, articolo, Gaia Caporaletti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDYc





logoEV
logoEV