PMI Day 2020, studenti virtualmente in azienda

4' di lettura 20/11/2020 - Dal 2010 le piccole e medie imprese associate a Confindustria aprono le porte ai giovani, ai docenti e agli amministratori degli enti locali: “Ci mostriamo per quello che siamo: luoghi di lavoro, famiglie allargate, centri di innovazione, aziende di alta qualità” spiega il presidente della Piccola Industria di Confindustria Centro Adriatico, Fabrizio Luciani, presentando il Pmi Day.

Anche in tempo di pandemia, gli imprenditori hanno deciso di non far perdere agli studenti delle scuole secondarie superiori questa opportunità, che negli anni è diventata per molti ragazzi un vero biglietto da visita. “Abbiamo scelto una modalità smart, tecnologica e innovativa, come sanno essere le Pmi. E abbiamo scelto di unire ancora di più i nostri territori, Ascoli Piceno e Fermo, con uno scambio tra scuole e aziende” prosegue il presidente.
Gli imprenditori saranno virtualmente vicini agli alunni, che dalle proprie case e classi, entreranno grazie a un collegamento via smartphone dentro le aziende. “I nostri associati – riprende Luciani – racconteranno la loro storia, poi il prodotto, il comparto produttivo di riferimento, il momento di riunione con il team, le dinamiche dell’ufficio design, il controllo qualità e infine la prova finale. Tutto questo grazie a due imprese che uniscono innovazione e tradizione: la Vega di Fermo e la Bachetti Food di Ascoli Piceno”. Due le scuole coinvolte: Itet G.B. Carducci –G.Galilei di Fermo e IIS Leopardi Ciccarelli di Cupra Marittima.
L’imprenditore Massimiliano Bachetti ha fatto da cicerone: “Credo nella responsabilità sociale dell’impresa, da questo punto di vista l’aprirsi ai giovani è fondamentale. Orientare in maniera attiva chi sarà il protagonista del futuro lavorativo, approfittando di una occasione di interscambio reciproco. Una visita virtuale in cui far capire che per un giovane è possibile fare impresa in provincia, valorizzando i prodotti tipici. La qualità è importante, ma oggi è fondamentale innovare la comunicazione, saper trasmettere la qualità nel mondo digitale e raggiungere così nuovi mercati e fasce di consumatori che magari non conoscono le nostre realtà”.
Una esperienza vincente per la dirigente dell’Itet Cristina Corradini: “Nella mappatura dei distretti produttivi del nostro territori, l’attenzione della scuola è rivolta sia ai comparti di tradizione manifatturiera, quali quello della calzatura, del cappello, sia della meccanica, dello sviluppo industriale e dell’agroalimentare, che soprattutto di recente sta offrendo occasioni di riflessione sia sulla possibilità di recupero di vocazioni produttive identitarie e caratterizzanti”.
Il viaggio nel Food degli alunni fermani è stato seguito da quello dei compagni di Cupra nel mondo della tecnologia della Vega. “L’esperienza diretta in azienda ed il contatto con la realtà produttiva territoriale consentono l’avvicinamento consapevole al mondo del lavoro e rappresentano un’opportunità di crescita personale per gli studenti che ne escono arricchiti nelle loro competenze disciplinari e trasversali” riprende il dirigente Maurilio Piergallini che ha seguito il tour preparato dal titolare Paolo Vitturini. “Questa giornata per Vega è l’occasione per condividere con gli studenti un messaggio di reale speranza per il futuro. Con la pandemia ci accorgiamo ancora di più che – spiega Vitturini - a resistere sono le aziende che investono in formazione, crescita, ricerca e sviluppo, etica e sostenibilità. Guardiamo alla crisi come occasione di cambiamento”.
Il Pmi Day è un punto fermo della politica industriale. Le Marche, da anni, sono un riferimento. “Noi vogliamo – aggiunge il presidente regionale della Piccola, Gianni Tardini - trasmettere i valori che ci sono dietro una produzione: cultura d’impresa, valore sociale, gioco di squadra. Gli studenti hanno una opportunità unica, conoscere esattamente quello che si troveranno davanti dopo la maturità. E grazie alla tecnologia, che ci permette di evitare assembramenti e contatti vietati, non perderanno nulla se non l’odore della manifattura, che però possono sempre immaginare”.
Si conferma quindi la collaborazione vincente tra Piccola Industria di Confindustria centro Adriatico e le scuole: “Nel corso degli anni si è affinata l’intesa anche grazie alle figure dei tutor scolastici che preparano le classi insieme con i rappresentati di Confindustria” conclude il presidente Luciani.


Da Confindustria Centro Adriatico
Ascoli Piceno e Fermo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-11-2020 alle 16:02 sul giornale del 21 novembre 2020 - 263 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, ascoli piceno, confindustria, ascoli, Confindustria Centro Adriatico, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bCQy





logoEV
logoEV