Riflettori puntati sui diritti dei Bambini: 20 comuni del fermano aderiscono all'iniziativa Go Blue di Unicef

2' di lettura 16/11/2020 - Venerdì 20 novembre in occasione del 31°compleanno della Convenzione Onu sui diritti dell'infanzia saranno illuminati di blu ( colore della bandiera Unicef) municipi, monumenti, torri, statue, fontane . Adesione massiccia alla proposta del Comitato Unicef di Fermo.

Venerdì 20 novembre il fermano si illuminerà di fasci di luce blu, dalla montagna al mare, in adesione all’iniziativa Unicef “ Go Blue” che ha lo scopo di accendere i riflettori sui diritti dei bambini e degli adolescenti di tutto il mondo. Ricorre infatti il 31°anniversario della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia, ratificata da 196 Stati, che riconosce tutti i bambini del mondo come titolari di diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici. E sono ben 20 le Municipalità del fermano, grandi e piccole, che quest’anno, accogliendo l'invito del comitato Unicef della provincia di Fermo, illumineranno di blu un monumento o un edificio rappresentativo del proprio Comune per ribadire il ruolo delle Amministrazioni comunali nel promuovere l’importanza della convenzione e dei diritti in essa sanciti: Amandola, Belmonte Piceno, Falerone, Fermo, Francavilla D’Ete, Grottazzolina, Magliano di Tenna, Massa Fermana, Montappone, Montegiorgio, Montegranaro, Monteleone di Fermo, Monte Vidon Corrado, Ortezzano, Pedaso, Porto San Giorgio, Porto Sant’Elpidio, Rapagnano, Sant’Elpidio a Mare, Servigliano.

Risplenderanno di blu facciate di Municipi, Torri dell’Orologio e Torri Ghibelline, Monumenti ai caduti, statue dei Patroni, Chiese, Archi del ‘300, Facciate di Musei, Fontane. E sarà uno spettacolo per gli occhi di chi potrà vedere dal vivo tutte queste bellezze trasformate in un unico simbolico abbraccio corale e solidale a tutti i minori del mondo . Ogni Comune scatterà poi una foto al “ Punto Luce Blu” prescelto che L’Unicef metterà in condivisione su social e pubblicazioni.

Si tratta di una iniziativa semplice ma dirompente, forse una delle poche fattibili in tempo di pandemia con le limitazioni in corso, un grido forte anche se silenzioso, per richiamare l’attenzione di tutti sui tanti bambini e minori che di diritti ancora non ne hanno. In questi 31 anni dalla Convenzione è stato fatto tanto , ma sono ancora milioni i bambini che vivono in povertà assoluta , 1.200.00 solo in Italia , che sono malnutriti e senza istruzione.

Per l’Unicef, inoltre, quest’anno la manifestazione si carica di un ulteriore valore : quello di onorare la memoria del Presidente Del Comitato Nazionale Francesco Samengo deceduto per Covid proprio pochi giorni fa. Rimangono però le sue parole come pietre miliari per i tanti volontari Unicef e per tutti gli uomini : “ La lacrima di ogni bambino appartiene a ciascuno di noi”.








Questo è un articolo pubblicato il 16-11-2020 alle 17:27 sul giornale del 17 novembre 2020 - 470 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, marina vita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bCdM





logoEV
logoEV