x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Porto S.Elpidio: La palestra Carlo Urbani diventa Centro tamponi, il Sindaco "ai cittadini serve uno screening smaltisci-coda"

4' di lettura
470

di Marina Mannucci
redazione@viverefermo.it


La palestra della scuola Carlo Urbani di Porto Sant'Elpidio diventerà presto luogo dedicato allo screening per stabilire positività o negatività al coronavirus, grazie ad un progetto coordinato tra amministrazione comunale, farmacie cittadine e cliniche private.

"La struttura comunale è organizzata in modo tale da dare la possibilità a tuttti i cittadini over 65 e under 6 di accedere ad un servizio di referazione rapida" esordisce il Sindaco Nazareno Franchellucci alla presentazione del progetto che si realizzerà a breve termine.

"Visto che i medici di base non riescono ad effettuare i tamponi per via di ambulatori troppo piccoli – prosegue – a breve si potranno eseguire in un centro dedicato".

Il funzionamento del nuovo sistema sarà il seguente: il medico di base del paziente sospetto, dopo aver considerato utile ai fini diagnostici l'esecuzione del tampone rapido, lo indirizzerà presso la struttura dedicata nell'area della palestra Urbani.

Nella struttura sarà presente il personale adibito alla refertazione tamponi, selezionato dalle farmacie comunali aderenti e dalle due cliniche private cittadine, la SALUS e la BIO3, che si faranno carico anche dei costi di gestione, che vanno dalla gestione delle prenotazioni alla pulizia continua della struttura.

Nel caso in cui il tampone rapido risulti positivo verrà immediatamente prescritto un tampone molecolare, che i soggetti rientranti nelle fasce di esenzione (sopra i 65 anni e sotto i 6 anni) possono effettuare direttamente all'interno del centro tamponi comunale senza sovraccaricare il servizio sanitario nazionale. Il medico di base avrà la risposta del tampone molecolare e il soggetto entrerà immediatamente nella lista positivi e si continuerà con la consueta procedura.

"È un sistema che aiuta a ridurre le file all'esterno delle strutture pubbliche e private, così da poter avere una minor possibilità di contatti e quindi di contagi", tiene a precisare il Sindaco.

Il Presidente delle Farmacie Comunali Marco Traini avrà il compito di inserire uno o più medici che verranno aggiunti al personale sanitario già impiegato per effettuare tamponi.

Marco Traini: "Dal momento in cui ci è stato esposto il progetto dal Sindaco siamo stati concordi nel dare una mano. Noi in prima persona non possiamo refertare o occuparci dei tamponi, ma nei compiti delle farmacie non c'è solo quello di elargire farmaci, abbiamo il dovere di fare tutto ciò che possiamo per la salute della cittadinanza. Le farmacie comunali faranno da raccordo per erogare il servizio a quante più persone possibili". Il progetto è realizzabile grazie ai medici di famiglia che hanno dato subito la disponibilità nel comunicare i nomi dei soggetti che dovranno effettuare il tampone, poi saranno le farmacia a coordinarsi per far sì che il tampone venga eseguito il prima possibile. A breve si saprà quanti medici di base e pediatri saranno inclusi in prima linea nell'esecuzione dei tamponi, che potranno alternarsi ogni venti giorni.

La scelta del luogo ricade sulla palestra Carlo Urbani perché c'è al suo interno uno spazio ottimale per la logistica, anche grazie al fatto che al momento è chiusa causa DAD e smart working. Il parcheggio dedicato sarà quello del Teatro delle Api, nel giro di qualche giorno ci sarà la realizzazione di un nuovo accesso dal campo di calcio in Via della Pace. Il solito accesso in Via Legnano è sempre aperto per coloro che dovranno frequentare la scuola per diversi motivi, ma nel periodo in cui si effettueranno i tamponi l'accesso principale della scuola sarà chiuso.

L'attività di screening per le altre fasce di età proseguirà come sempre nei centri privati.

"Il numero di persone che hanno bisogno di tamponi potrebbe aumentare di molto, quindi avere una struttura dedicata come quella della Carlo Urbani aiuta moltissimo, si potrebbe anche pensare un domani di allargare il servizio non solo alle fasce deboli ma all'intera cittadinanza", conclude il Sindaco Franchellucci.



Questo è un articolo pubblicato il 11-11-2020 alle 15:08 sul giornale del 12 novembre 2020 - 470 letture