x

SEI IN > VIVERE FERMO > CRONACA
articolo

Montefalcone: va a fuoco una scarpata. Necessario l'intervento dei pompieri.

2' di lettura
892

di Lorenzo Cortellucci


L'incendio si è scatenato a ridosso del parcheggio alberato sottostante l’Edificio Scolastico Comunale. A dare l'allarme i cittadini della zona. "Abbiamo visto le fiamme alzarsi e subito abbiamo chiamato i soccorsi". Le cause ancora da accertare, probabilmente tizzoni ardenti o cenere non ancora spenta.

Gli incendi non sono una prerogativa solo dell'estate, infatti si possono verificare in qualsiasi periodo dell'anno, anche in autunno, nonostante le basse temperature. E' il caso di Montefalcone Appennino, Comune dell'Alto Fermano, dove, nel tardo pomeriggio di oggi, un incendio è divampato a ridosso di una scarpata.

A dare l'allarme un gruppo di abitanti della zona, che alla vista delle fiamme hanno contattato i soccorsi: "Vedevamo il fuoco alzarsi e avvicinandoci abbiamo capito che fosse necessario l'interevento dei Pompieri, così abbiamo lanciato l'allarme". Nell'attesa, i cittadini hanno tentato di lmitare i danni attraverso secchiate d'acqua, ma non era stato sufficente.

L'incendio era divampato nei pressi della scarpata a ridosso del parcheggio alberato sottostante la Scuola di Montefalcone. I Pompieri, dal reparto di Amandola, sono giunti celermente sul posto ed hanno attivato subito il protocollo d'intervento; mezzo di spegnimento in funzione e subito sono partite le operazione per domare le fiamme. Dopo qualche istante, il fuoco ha iniziato ad indebolirsi e così l'incendio è stato domato. Dai primi accertamenti, non si ha ancora una causa precisa, ma si pensa siano stati dei tizzoni ardenti non ancora sufficentemente spenti o della cenere a scatenare le fiamme.

Fortunatamente il repentino allarme lanciato dagli abitanti della zona ed il rapido intervento dei Vigili hanno evitato il peggio. Infatti il fuoco era divampato proprio in prossimità di grosse piante ed alberi che cirdondano il parcheggio e nelle vicinanze è presente anche un'isola ecologica, che avrebbe potuto rappresentare una pericolosa fonte per le fiamme.

Foto Giammaria Marinangeli





Questo è un articolo pubblicato il 09-11-2020 alle 18:17 sul giornale del 11 novembre 2020 - 892 letture