Monte San Pietrangeli: Ilenia, parrucchiera ottimista. Tre assunzioni in tempo di Covid

3' di lettura 30/10/2020 - Cinema e teatri restano chiusi, come pure le piscine e le palestre. Stessa sorte per bar e ristoranti, chiusi dalle 18.00. Aperti invece parrucchieri e centri estetici: con loro il nuovo decreto è stato clemente.

Ottimismo, sorriso e voglia di fare non hanno mai abbandonato Ilenia Tamanti, parrucchiera di Monte San Pietrangeli che, nonostante il Covid, ha compiuto una scelta coraggiosa, quella di assumere.

«Dopo il lockdown - racconta - ho fatto tre assunzioni, una al mese. Sebbene si pensasse che il lavoro sarebbe sceso io ho voluto dare l’opportunità di un impiego a questi giovani. Si tratta di una crescita, per loro ma anche per me». Così il suo “Free Style” si arricchisce.

C’è Melissa Gadoni che fa reception e si occupa della cura delle mani, poi Alessia de Lillo, anche lei receptionist, ma anche lavaggio, infine Gentian Reka, il barbiere. «Un’opzione in più, questa del barbiere, che mi permette di offrire un servizio migliore, anche per gli uomini. Per ora - dice fiduciosa Ilenia - riesco a mantenere tutto».

Il lusso di poter andare dal parrucchiere resta, eppure le priorità per alcuni sono cambiate.

«Le clienti abituali, che prima frequentavano il salone tutte le settimane, adesso vengono una volta in meno e, per quelle meno giovani e quindi più esposte, la scelta è dettata soprattutto da ragioni di salute» spiega.

Meno clienti fisse dunque, ma molte nuove. «La gente ha paura di andare a casa o di far andare a casa i lavoratori a nero. Si pensa all’igiene, si ha paura del Covid e, confrontandomi con alcuni colleghi di altre province, anche fuori regione - spiega - è stato constatato che persino i saloni dei cinesi si stanno vuotando».

Dal giorno della riapertura, a maggio, nuove regole, come è noto. «All’ingresso disinfettiamo le mani, faccio firmare il questionario alle clienti, rileviamo la temperatura. Dopodiché mantellina monouso, asciugamani monouso, distanziamento, finestre aperte periodicamente e mascherina, che soltanto gli uomini tolgono per farsi fare la barba; infine, un pouf per ogni postazione in cui appoggiare borsa e cappotto, che saranno poi disinfettati con alcol puro».

«La gente ora cerca la sicurezza, e preferisce scegliere chi rispetta tutti i protocolli di sicurezza» afferma.

Il nuovo dpcm non ha penalizzato Ilenia e i suoi colleghi parrucchieri, eppure, di riflesso, anche loro potrebbero risentire degli stop imposti dal governo «Si uscirà meno, non si andrà a cena fuori, non si farà l’aperitivo, non ci saranno le cerimonie: per un centimetro di ricrescita la tinta ad esempio sicuramente potrà attendere».

Da Ilenia un messaggio positivo, un invito alla serenità. «La situazione è questa. Bisogna cercare di restare tranquilli, l’ansia allo stomaco non consente di ragionare. Durante la quarantena ho praticato meditazione, per rilassare corpo e mente, così ho affrontato tutto meglio. Le prime settimane ero arrabbiatissima, poi ho capito che stare arrabbiata non avrebbe cambiato le cose».

Una (speriamo di no) potenziale chiusura non spaventerà di certo la parrucchiera: «se ci faranno chiudere chiuderemo, senza disordini in piazza, che indispettirebbero il Governo ancora di più» sostiene.

La didattica a distanza intanto, per fortuna, non sta riguardando la materia che Ilenia insegna a San Benedetto, vale a dire parrucchieria agli allievi del primo anno. «Ci stiamo occupando di sicurezza, igiene e ordine del salone, accoglienza dei clienti. Svolgiamo attività pratica, tra cui, al momento, lavaggio e pre asciugatura»; materia che, invece, nei mesi scorsi è purtroppo stata accantonata, poiché incompatibile con l’insegnamento davanti a uno schermo.


di Benedetta Luciani
redazione@viverefermo.it







Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 30-10-2020 alle 19:18 sul giornale del 01 novembre 2020 - 1160 letture

In questo articolo si parla di cronaca, attualità, pubbliredazionale, fermo, notizie, Benedetta Luciani, Redazione VivereFermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bAiI





logoEV
logoEV