Monteleone e gli oggetti fatti a mano con argilla naturale. I vulcanelli diventano protagonisti

3' di lettura 08/10/2020 - L’iniziativa si chiama “Il Bello della Nostra Terra”, l’ideatore è Endrio Cruciani ed il mastro ceramista Virgilio Mercuri. Un connubio perfetto che ha creato a qualcosa di unico. Fabiani: “Ora facciamo conoscere i vulcanelli e la nostra argilla in tutta la Regione”.

Monteleone di Fermo da sempre è sinonimo di storia, arte, cultura e panorami mozzafiato. Da oggi, il piccolo Comune dell’Alto Fermano sarà anche la capitale di una nuova e significativa iniziativa, denominata “Il bello della nostra natura”.

Il tutto ruota intorno ad un fenomeno naturale unico e raro, i vulcanelli di fango. Saliti alla ribalta nel 2006, di li a poco a Monteleone di Fermo si è iniziato a parlare del Parco dei Vulcanelli di fango, che custodisce e cura queste particolarità naturali. Ad oggi sono sei, ma altri sono in corso di accertamento e studio; si trovano lungo il percorso del fiume Ete e a seconda delle stagioni vivono un periodo di attività.

Si tratta di un fenomeno naturale di cui ancora si conosce poco, che consiste in modeste eruzioni melmose del sottosuolo, molto suggestive da vedere e probabilmente la loro origine risale a parecchi secoli fa. Mediante il Parco dei Vulcanelli di fango, sono state create delle zone delimitate interessate dai fenomeni ed aree protette con all’interno dei percorsi per poter osservare da vicino e in sicurezza i vulcanelli. Per ora l’evento naturale è meta di gite didattiche, ma l’Amministrazione Comunale ha l’intenzione di renderli destinazione di un turismo diffuso.

Su questo binario viaggia l’interessante idea lanciata dal Sig. Endrio Cruciani, residente nel piccolo paese di Monsampietro Morico. Da sempre appassionato di natura e legato al territorio in cui è cresciuto, Endrio ha dato vita ad un’iniziativa finalizzata a pubblicizzare e promuovere questa particolare eccellenza di Monteleone e più in generale i tanti tesori dell’entroterra marchigiano, facendole conoscere sia ai turisti, ma anche a tutti coloro che abitano questi luoghi senza esserne a conoscenza. Si chiama “Il Bello della Nostra Terra” e consiste principalmente nel prelievo di materiale argilloso nella zona dov’è presente il Parco dei Vulcanelli di fango, durante il periodo di attività eruttiva e la conseguente produzione di peculiari oggetti fatti a mano, come vasetti, ciotole svuota-tasche o portapenne.

Ed è qui che entra in gioco la sapiente mano del Mastro Ceramista Virgilio Mercuri. Titolare di una bottega di ceramiche e maioliche artistiche nel Comune di Grottazzolina, Virgilio ha deciso subito di prendere parte al progetto, realizzando di persona gli oggetti in questione (circa 15 pezzi) con l’argilla dell’ultima eruzione avvenuta lo scorso mese di luglio.

Senza batter ciglio, l’Amministrazione Fabiani si è detta entusiasta dell’iniziativa, prendendola subito in considerazione e riconoscendola come un’opportunità unica per mettere in risalto le bellezze presenti a Monteleone di Femo. “Sono rimasto molto colpito da questa idea e con tutta l’Amministrazione vogliamo partecipare attivamente al pieno sviluppo del progetto – ha spiegato il Sindaco Marco Fabiani – Rinnovo il mio impegno costante nel pubblicizzare e promuovere i nostri beni culturali e naturali. È nostro compito mantenere sempre vivo l’attaccamento al territorio, facendo conoscere queste bellezze e rarità sia nella Provincia che in tutta la Regione”.

Ancora una volta l’Amministrazione Fabiani si fa promotrice di un’iniziativa che rilancia Monteleone e le sue tante bellezze. Un progetto nato da un’idea semplice, capace di valorizzare un’eccellenza naturale.








Questo è un articolo pubblicato il 08-10-2020 alle 16:39 sul giornale del 09 ottobre 2020 - 581 letture

In questo articolo si parla di attualità, turismo, bellezza, Vulcano, Monteleone di Fermo, fango, patrimonio ambientale, argilla, eccellenze territoriali, articolo, promozione turistico.culturale, alto fermano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bx8c





logoEV
logoEV