Montefortino: "Frate Mago" ringrazia il Signore per il suo 42esimo anniversario di sacerdozio

1' di lettura 18/09/2020 - Bisogna conoscerlo per apprezzarne le qualità umane; è Gianfranco Priori più conosciuto come Frate Mago

Prega divertendo la gente; porta la parola di Dio tra un gioco di prestigio e l’altro.
Tanto bravo da stupire anche papa Francesco.
«Santità, mi dica una carta….». «Sì… il tre di denari…». «Santità, abbia pazienza, ma temo che quella carta si trovi esattamente sotto il suo zucchetto… permette?»
E’ diventata famosa questa frase pronunciata al Santo Padre quando, tra un gioco e l’altro, Frate Mago gli ha parlato dei sibillini e del terribile terremoto che nel 2016 ha distrutto il Santuario dell’ Ambro. Lui, rettore del Santuario in pochi mesi è riuscito a rimetterlo in piedi.
E ieri su FB ha ringraziato pubblicamente il Signore scrivendo un post: "sono passati 42 anni dalla MIA PRIMA MESSA! “Grazie Signore… E' STATA UNA BELLA STORIA D'AMORE CON TE". Ti ringrazio per avermi chiamato, per aver avuto fiducia in me ed aver scommesso sulle mie fragili forze. Sono grato a Mons. Cleto Bellucci, allora Arcivescovo di Fermo, che nel 1978 mi ha imposto le mani donandomi il sacerdozio. Sono immensamente grato a Papa Francesco per la benedizione al "frate mago". Chiedo una preghiera perché, nonostante i limiti, difetti, peccati e difficoltà, riesca ad essere sempre icona della misericordia di Dio. Oggi celebrerò l’eucarestia al santuario alle ore 17.00. SONO FELICE PER CIO’ CHE E’ STATO… GRAZIE SIGNORE! Fra Gianfranco in arte frate mago!"


di Lorenzo Bracalente
lorenzo.bracalente@gmail.com
 







Questo è un articolo pubblicato il 18-09-2020 alle 09:47 sul giornale del 19 settembre 2020 - 897 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, lorenzo bracalente

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bwnu