Amandola: la Morani si schiera a favore delle aree interne. “Il rilancio delle Marche passa da queste zone”.

4' di lettura 10/09/2020 - La Sottosegretaria allo sviluppo economico in visita nella Città dei Sibillini. “Il post-sisma e i fondi per il covid guideranno la ripartenza”. “Una vittoria del centro destra sarebbe una grave battuta d’arresto per le Marche”. Presente anche il senatore Verducci.

Custodire, far crescere e rilanciare le aree interne. Erano questo i temi principali affrontati nell’incontro pubblico di ieri, che ha visto come protagonista Alessia Morani Sottosegretaria allo sviluppo economico.

L’assemblea si è tenuta nel tardo pomeriggio presso la Sala Consiliare di Amandola. Presente anche il Senatore e Vicepresidente della Commissione Istruzione e Cultura Francesco Verducci. Si attendeva l’arrivo del Ministro per il Sud e la Coesione territoriale Giuseppe Provenzano, ma per varie problematiche non è potuto essere presente. Tanti i cittadini accorsi, c’era curiosità per l’arrivo delle autorità; rispettate tutte le norme covid. Presenti anche il Prefetto Vincenza Filippi ed il Questore Rosa Romano.

A fare gli onori di casa il Vicesindaco Giuseppe Pochini: “Stiamo uscendo da un periodo complicato e lo stiamo facendo in modo incoraggiante e con l’ottimismo che ci ha sempre contraddistinti. Ringrazio la Regione Marche ed il Senatore Verducci per la vicinanza dimostrata durante il sisma e nel pieno dell’emergenza covid. Amandola guarda al futuro e i tanti cantieri attivati ne sono la testimonianza”.

Nuovo Ospedale, circonvallazione, reparto di medicina ed appartamenti per gli sfollati: “Si tratta di opere significative non solo per la Città, ma per tutto l’Alto Fermano. Sono interventi di grande portata che garantiranno vantaggi per l’intera area interna”.

Nonostante i traguardi raggiunti il territorio montano ha bisogno di rilancio: “Queste zone sono molto carenti da diversi punti di vista. Nell’ultimo periodo siamo cresciuti, ma serve compiere altrettanti passi in avanti per dare seguito agli sforzi fatti – ha spiegato Pochini - Per questo è necessario l’appoggio della Regione, del Ministro Provenzano e della Sottosegretaria Morani”.

Dello stesso avviso il Senatore Verducci: “Amandola merita l’attenzione della politica nazionale, come la merita tutta l’area interna marchigiana. Questa Città è il simbolo della rinascita, è l’emblema della ripartenza post sisma. È il simbolo di come, attraverso progettazione e programmazione, si può guardare al futuro con ottimismo”.

Accendere i riflettori su queste realtà: “Il nostro compito è dare voce alle aree interne, affinchè esse possano rappresentare un trampolino di rilancio per l’intera Regione. Ben venga il nuovo Ospedale e tutte le altre opere, ma non bisogna fermarsi. Ora non serve solo tamponare l’emergenza, ma abbiamo la responsabilità guardare avanti e creare un futuro solido per queste terre”.

Combattere lo spopolamento attraverso un nuovo tessuto economico-sociale: “Amandola come tutta l’area interna delle Marche deve guardare al futuro. Si ai finanziamenti immediati, ma serve un piano più ampio e duraturo che stiamo attivando – esordisce la Sottosegretaria Morani – Ogni giorno faccio i conti con le conseguenze del sisma. Si tratta di un evento unico e di una portata immensa. È stato difficile riallineare tutti i cocci, ma il Commissario Legnini è riuscito nell’intento, velocizzando la macchina della ricostruzione. Ora è nostro compito ricreare un nuovo tessuto economico e sociale che sia capace di dare futuro a queste zone”.

Le aree interne devono essere vissute di nuovo: “Lo spopolamento va combattuto e per farlo va dato ai cittadini un motivo per continuare a vivere e rimanere qui. Servono nuovi servizi e nuovi posti di lavoro, ma soprattutto serve garantire e riattivare i servizi di un tempo. Occorre garantire alle persone la Scuola, il lavoro ed i servizi sanitari, sono queste le tre chiavi di volta dove poggia il definitivo rilancio delle aree interne”.

La collaborazione tra Comuni, Regione e Ministero deve basarsi sulla progettualità: “E’ necessario che le Amministrazioni locali avanzino progetti e proposte così da poter compiere passi concreti. Il covid ha creato ulteriori criticità, ma allo stesso tempo ha portato fondi e finanziamenti come mai prima ed è qui che entra in gioco la progettualità concreta, fatta di richieste e proposte finalizzate a risolvere i problemi – conclude la Morani – Puntare quindi sulle infrastrutture sia fisiche che tecnologiche è un’ottima strategia. Strade, ferrovie e nuove vie di comunicazioni sono fondamentali per queste zone, ma allo stesso tempo, ci stiamo impegnando con progetti che creino una solida rete internet ed una connessione stabile. Nuovi posti di lavoro e servizi passano proprio da questi fattori”.








Questo è un articolo pubblicato il 10-09-2020 alle 23:15 sul giornale del 11 settembre 2020 - 432 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, Comune di Amandola, Francesco Verducci, Sviluppo Economico & Servizi, rilancio, connessione alta velocità, articolo, aree interne, infrastrutture e trasporti, rete internet, sisma 2016, Sottosegretario Morani, alto fermano, covid 19

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bvEE





logoEV