Fermo, “Fermo Coraggiosa” e la voglia di riprogettare la città. Benni: «una città capoluogo, questo il mio sogno»

4' di lettura 05/09/2020 - Fermo Coraggiosa, la “lista ecosocialista” che sostiene il candidato sindaco Interlenghi, si presenta. Ridisegnare la città con le competenze e le professionalità alla base del programma.

Articolo 1, con il segretario provinciale Alessandro (Teo) Del Monte, della lista è stato l’emanazione. Una lista - come da lui stesso spiegato - nata per essere inclusiva, per riformulare un campo di centro sinistra, con i valori che gli appartengono. Degli ecosocialisti, così i candidati di Fermo Coraggiosa di definiscono.

Spostandoci da Fermo in Regione sempre di coraggio si parla, con “Marche Coraggiose” e i candidati del fermano Sonia Capeci, Franco Menicali e Annunziata Ubaldi.

Una sinistra socialista, progressista e ambientalista questa, critica nei riguardi dell’amministrazione uscente, del populismo che avvertono; lamentano carenze nel rapporto tra la città capoluogo e il territorio.

«Quello che più mi piace di questa compagine è la sintesi che ne fa Teo, definendo la lista come ecosocialista - afferma Interlenghi. L’ambientalismo - prosegue - è sempre stato un tema centrale delle forze di sinistra riformiste». Poi scherza: «Fermo Coraggiosa: il coraggio di appoggiare me, di scrivere il mio nome sul simbolo sapendo quanto la sfida sia complicata, ma - conclude - il centro sinistra è in campo e noto che un certo fermento, grazie allo sforzo dei candidati, è tornato».

La parola passa al capolista, Giorgio Benni, definito - come dice lui stesso - la “cariatide” della politica. Fu consigliere comunale dal 2000 al 2010, ma - precisa - sempre di opposizione, mai di minoranza.

Per riassumere il programma per Fermo utilizza un verbo: riprogettare. I toni sono decisi. «Tanta polvere si è annidata - afferma. Ѐ ora che Fermo assuma il ruolo di città capoluogo. In Regione - dice - arriveranno dagli 8 ai 9 miliardi di euro, senza un’amministrazione capace di intercettare i fondi saremo la provincia meno considerata».

Critico nei confronti del sindaco uscente, del suo modo di amministrare. Ai cittadini si rivolge così: «Da un lato l’effimero, le feste, il concerto, dall’altro un progetto di futuro. Finita la festa cosa rimane?».

Toni ancor più decisi quando passa a tratteggiare altre questioni, come il mancato acquisto dell’area Santa Lucia, la delocalizzazione della Steat di cui - dice - non si parla, la nuova scuola a Fonte Fallera, «7 mila mq di polo, senza un metro quadro di parcheggio e di verde» dice, e qui scatta il paragone con Montegiorgio che invece ha trovato un’ area di 45 mila mq da destinare alla scuola.

Osservazioni anche sulla riqualificazione del territorio, come il Girfalco e le sue piante. «Questa amministrazione - dice - ha dato 460 incarichi professionali, per un costo di 2 milioni di euro. Al posto loro - afferma - avrei fatto dei concorsi di idee per riqualificare delle zone».

Poi l’affondo sull’Asite, la società che definisce come il bancomat del Comune: «un bilancio di 16 milioni di euro, 177 dipendenti, 6 milioni di euro annui di spese del personale, più i costi diretti e indiretti. In più - aggiunge - solo per la raccolta dei rifiuti essa perde 560 mila euro all’anno e 70 mila con i parcheggi».

Fermo è anche città degli studi. A tal proposito torna in ballo la Casina delle Rose, potenziale alloggio per studenti, e Benni cita un architetto, artefice di un progetto modulare sul suddetto albergo, progetto che - secondo il candidato consigliere - sarebbe ottima cosa riprendere in mano e ampliare.

A seguire i nomi dei candidati di Fermo Coraggiosa: Giorgio Benni, Emanuela Achilli, Carlo Baleani, Antonio Cameli, Irena Canterini, Andrea Capeci, Katiuscia Cerretani, Alessandro Del Monte, Michele Egidi, Patrizia Gambini, Massino Iacopini, Daniele Maurizi, Franco Menicali, Enrico Morici, Francesca Pancotto, Gioiele Petrini, Fabrizio Piacentini, Alessandro Pizzarullo, Paola Politi, Logarda Santandrea, Paola Stortoni, Amilcare Tassotti, Annunziata Ubaldi, Antonio Vallesi.


di Benedetta Luciani
redazione@viverefermo.it







Questo è un articolo pubblicato il 05-09-2020 alle 20:41 sul giornale del 07 settembre 2020 - 807 letture

In questo articolo si parla di elezioni, politica, fermo, articolo, Benedetta Luciani, articolo 1, benni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bu86





logoEV
logoEV