Le Parole della Montagna partono col botto. Piazza gremita. E domani tocca a Macchini.

2' di lettura 17/07/2020 - Smerillo: ieri la prima serata del Festival. Inaugurata la mostra sull’alpinista Tucci e molto apprezzato l’incontro con Michele Focchi. Oggi spazio ai robot, ambiente e natura. In serata tocca alla poesia incontrare la fotografia e la danza. Domani spazio alla new entry Piero Massimo Macchini.

Rispettate tutte le attese. Il Festival Le Parole della Montagna inizia con il piede giusto. Nel borgo di Smerillo, nei pressi di Piazza della Solidarietà, è andata in scena la prima serata della nota manifestazione di stampo culturale-filosofico. Ad aprire la giornata di ieri era stata l’inaugurazione della mostra dell’alpinista e scrittore Tucci. Attraverso fotografie e racconti, è stata ripercorsa la sua lunga carriera.

A seguire, nella Piazza principale di Smerillo totalmente gremita, c’è stato spazio per Michele Focchi, alpinista di fama mondiale che ha raccontato il vero senso della vetta. Molto apprezzato anche il labirinto di incenso della tradizione tibetana.

Oggi continuano gli appuntamenti; nel pomeriggio ci sarà l’incontro tra tecnologia, filosofia e robotica, dove si discuterà dell'importanza dei robot umanoidi nei prossimi decenni, A seguire i temi del collasso del pianeta e del rispetto del pianeta, saranno affrontati da Ugo Bardi e l’amico Andrea Bianchi. La serata si concluderà con la perfetta unione tra poesia, fotografia e danza, il tutto in uno spettacolo unico.

Nella giornata di domani saranno molti gli appuntamenti da seguire; al mattino si parte con l’agorà poetico, poi nel pomeriggio arriva Tlon, la Scuola di filosofia guidata dalla coppia Colamedici e Gancitano. Nel pomeriggio Brunetto Salvarini spiegherà l’importanza della spiritualità dopo questo lockdown. La serata di sabato si sarebbe dovuta concludere con lo special guest Philippe Daverio, ma un problema di salute l’ha costretto a rimanere a Milano, così ci sarà spazio per la new entry Piero Massimo Macchini; il comico marchigiano farà ridere e riflettere il pubblico con lo Spettacolo Filosofotto. Domenica il Festival si concluderà con l’escursione nella Faggeta di Valle Caprina.

Ad accompagnare queste giornate ci sarà anche l’assistenza del sole, che renderà il tutto più suggestivo. Da non perdere.








Questo è un articolo pubblicato il 17-07-2020 alle 16:36 sul giornale del 18 luglio 2020 - 253 letture

In questo articolo si parla di cultura, spettacoli, filosofia, festival, alpinismo, smerillo, le parole della montagna, articolo, alto fermano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bqV8





logoEV