Fermo: il centro per l'impiego così non può funzionare

2' di lettura 07/07/2020 - Una situazione davvero indescrivibile quella del Centro dell'Impiego di Fermo e Provincia: presenta il peggior rapporto tra dipendenti e disoccupati in tutta la Regione: 1 dipendente ogni 842 disoccupati. Si auspicava un cambio di passo da parte della Regione Marche che invece assicurava la normalizzazione della situazione a seguito degli imminenti concorsi ma, a conti fatti in base alla distribuzione delle nuove assunzioni, il riequilibrio territoriale è solo una pia illusione.

Ci troviamo a luglio inoltrato e la situazione non è cambiata anzi, per alcuni aspetti, è in via di peggioramento. Le promesse restano tali.

I concorsi avviati prevedevano l'assunzione di 61 unità lavorative in tutte le Marche di cui 40 Categoria D e 21 Categoria C.

Purtroppo il concorso per la Categoria D è attualmente sospeso perché un membro della commissione non si era accorto che tra i partecipanti alla pre-selezione per l'ammissione vi era un parente. La sostituzione del membro è avvenuta tardivamente, a preselezione avvenuta, e la procedura è stata impugnata ed è sospesa.

Per la Categoria C il concorso è concluso ma di personale assunto neanche l'ombra. Nel frattempo a Fermo abbiamo tre dipendenti a mezzo servizio, due in procinto di andare in pensione e due che stanno premendo per tornare nel capoluogo ascolano. Questi sono i magnifici 7 che da soli e nelle condizioni di cui sopra reggono la pesante situazione fermana del lavoro.

Visto che ci siamo perché non raccontare quello che accade presso lo sportello dell'Agenzia di Riscossione Equitalia di Fermo? Ci sono solo 2 unità che vengono due soli giorni a settimana da San Benedetto del Tronto dove c'è un organico di 40 unità. Spesso accade che gli utenti si trovino a fare due file. La prima all'esterno dell'edificio, ancor prima dell'apertura, prendendo il numero necessario per entrare e fare la seconda fila all'interno per l'assegnazione dello sportello. Alcuni operatori hanno raccontato che ci sono stati casi di persone arrivate alle 4 del mattino per essere primi alla prima fila all'esterno. Non racconto favole, è quello che sta accadendo a Fermo nell'anno 2020.

Il Circolo di Fermo di FDI, dichiarano il Referente Rossano Romagnoli e l'ex Sindaco Di Ruscio, nel contestare queste assurde situazioni invita la Regione Marche a sbloccare il concorso Cat.D e procedere celermente alle assunzioni Cat. C per il Centro dell'Impiego di Fermo per consentire agli uffici di operare in modo efficiente ed efficace; invitano inoltre la Direzione della Agenzia delle Entrate di Fermo e quella di Riscossione di San Benedetto del Tronto a rinforzare lo sportello fermano con ulteriore personale e presenza su 5 giorni settimanali in attesa della istituzione della sede per la Provincia di Fermo.


da Fratelli d'Italia - Rossano Romagnoli e Saturnino Di Ruscio



Fratelli d'Italia - Rossano Romagnoli e Saturnino Di Ruscio


Questo è un articolo pubblicato il 07-07-2020 alle 07:50 sul giornale del 08 luglio 2020 - 570 letture

In questo articolo si parla di lavoro, articolo, Comitato Provinciale Fratelli d'Italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bpYi





logoEV