L'industria della Cultura e Spettacoli senza prospettive rischia il collasso.

3' di lettura 29/04/2020 - Diversi gli appelli sia di artisti nazionali che locali del settore musicale, teatrale ed intrattenimento.

Lo spettacolo è un comparto che coinvolge molteplici figure, in primis gli artisti, ovvero attori, musicisti, ballerini, deejay, scrittori, registi, produttori, poi i tecnici audio e luci, i videomaker, le agenzie di booking, i promoter, gli uffici stampa, i social media manager fino alle sarte, alle maschere, ai facchini, riders, catering, fotografi e grafici. Insomma un entourage di figure professionali che fanno un gran numero ed un lavoro che ha la valenza di emozionare, divertire, ma anche di diffondere messaggi culturali, parti integranti della società e della storia.
Il non avere prospettive di come e quando si possa ripartire è prima di tutto la cosa più preoccupante per chi è coinvolto in queste attività, inoltre si sommano le difficoltà causate dal non riuscire per tutti ad accedere, come in molti altri paesi europei ed internazionali alle misure di tutela economica al fine di riuscire a sopravvivere nell'attesa di una ripartenza, probabilmente non prossima.
Ovvio che la richiesta di "rimanere a casa" è incontestabile e necessaria, ciò nonostante, se non ci sono misure cautelative e previsioni di ripresa, la crisi economica e sociale diventa un'altra emergenza non sottovalutabile.
Moltissimi i gridi delle persone coinvolte in questo settore, si annunciano probabili manifestazioni civili di protesta, come si manifesta un ottimismo volto alla speranza che tutto passi presto e si ripartirà.
Tuttavia prevale la preoccupazione e l'amarezza vista la stagione più fruttifera alle porte, e nessuna notizia sulle misure che dovranno adottare per gli intrattenimenti tutte le strutture preposte a questo tipo di lavoro ed ovviamente tutte le manifestazioni pubbliche e private di eventi culturali, teatrali e musicali, che nelle Marche, data la vastità sia di teatri che location come locali sono decisamente elevate.
E' vero che il ministro Franceschini ha firmato un decreto economico per sostenere gli artisti, tuttavia ci sono petizioni al fine di avere dei sostegni anche per le altre figure che operano nello spettacolo, con meno requisiti.
Anche l'aspetto social, che inizialmente, vista la drammaticità della situazione era sommerso di iniziative in livestream, chi con lo scopo benefico di raccolta fondi, chi per mantenere un contatto con il pubblico, in ogni caso sempre per divulgare cultura, musica ed intrattenimento sta leggermente diminuendo, come a manifestare che non è sostituibile per troppo tempo l'evento live da quello virtuale. Una verità assoluta ed anche un modo per chiedere attenzione.
Immaginare gli eventi con il distanziamento sociale non è facile, tuttavia si possono organizzare, con controllo e nel rispetto delle norme di sicurezza, e quello che si chiede in questo momento è capire quando e con quali modalità si potrà procedere, poichè è ancor più difficile immaginare una vita sociale senza spettacoli culturali, teatrali, musicali, festival, feste e tutto ciò che è intrattenimento.
E' indubbio che questa tragedia porterà una grave crisi economica che tocca tutti i settori, e rischia di compromettere la sopravvivenza di moltissime attività e di far perdere il lavoro a milioni di italiani.
La speranza che questo virus si debelli è sempre la prima priorità, le restrizioni si rispettano, e si auspica ad una diminuzione dei decessi più di ogni altra cosa, ma le vittime economiche da Coronavirus saranno tantissime, molte di più dei morti che purtroppo quotidianamente la protezione civile aggiorna ed in questo caso, nel settore “arte, spettacolo e cultura”, se ne conteranno molte se la situazione non viene presa in considerazione con dei concreti interventi a tutti i coinvolti.




di Maria Teresa Virgili


Questo è un articolo pubblicato il 29-04-2020 alle 17:57 sul giornale del 30 aprile 2020 - 1664 letture

In questo articolo si parla di musica, cultura, articolo, Maria Teresa Virgili, Spettacoli, eventi, teatro, musica, intrattenimento

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bkBi





logoEV
logoEV
logoEV