Il mio BUON GIORNO

1' di lettura 13/04/2020 - "Il virus s'è portato via le feste...."

Si farà Cerreto medievale? Difficile a dirsi. Probabilmente no. Si farà la Cavalcata dell'Assunta a Fermo? Anche qui regna l'incertezza. E anche qui probabilmente no. Quantomeno nelle forme sinora conosciute. Ma quali altre forme adottare?

Il virus s'è portato via le feste. La Pasqua, ad esempio, e il lunedì dell'Angelo. Feste religiose di cui, volenti o nolenti, c'è bisogno. Ogni giorno RAI 1, alle 7, per la messa del papa, assomma 15 milioni di spettatori. Tutti fedeli? Non credo. C'è ricerca di qualcos'altro dinanzi al maledetto. Francesco? L'unico statista, mi diceva ieri un noto avvocato e già politico.

Poi, le feste cancellate saranno il 25 aprile (la destra potrebbe rallegrarsene, la sinistra no, siamo ancora all'interno dello schema fascismo-antifascismo); il primo maggio (la festa del lavoro di cui si cantava in piazza san Giovanni a Roma); infine, il due giugno, quando sfilavano i parà (e anche gli altri corpi militari) e le Frecce tricolori disegnavano in cielo la bandiera nazionale. Gongolava la Meloni.

Ci mancheranno queste feste? Certo che sì: quelle nazionali e quelle locali. La festa è ritrovarsi, far memoria di un fatto e farne baldoria. Scriveva Pasolini, ripreso da Cardini: c'è il tempo del lavoro e quello della festa (che non è consumismo). Non vorrei che tra qualche settimana ci ritrovassimo soltanto al primo tempo, pur necessario, anzi, vitale. Ma il secondo lo è lo stesso.




Adolfo Leoni


Questo è un articolo pubblicato il 13-04-2020 alle 09:41 sul giornale del 14 aprile 2020 - 474 letture

In questo articolo si parla di attualità, feste, cerreto, adolfo leoni, Cavalcata dell'Assunta, articolo, 25Aprile, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bjxU





logoEV
logoEV