Montappone: Aiutati i 47 nuclei familiari disagiati, ora preoccupazione per il settore produttivo

2' di lettura 11/04/2020 - Auguri di Buona Pasqua a tutti e in particolare a chi combatte in ospedale o casa contro il contagio da coronavirus

Su una popolazione di circa 1700 persone, con 630 nuclei familiari presenti, sono 50 le domande di sostegno alimentare pervenute al comune di Montappone. E, di queste, soltanto 3 quelle escluse perché non pertinenti.
“Il che significa che la popolazione si è comportata bene e in modo coscienzioso –riferisce il Sindaco Mauro Ferranti- “ Abbiamo lavorato tanto per capire in dettaglio situazione per situazione e dare il sostegno alimentare ai nuclei familiari davvero più bisognosi. Tra questi circa un 65% sono stranieri, quelli con le famiglie più numerose e con maggior numero di minori. Da noi, infatti, ci sono grandi comunità di albanesi e marocchini, molti ben inseriti e che lavorando da oltre un decennio nelle nostre aziende hanno ormai la cittadinanza italiana. Al momento è di circa 200 euro a famiglia il valore medio distribuito in buoni spesa. Degli 11.000 euro finanziati dallo Stato abbiamo ancora un residuo di 2000 che, per effetto dello sconto del 10% a cui hanno aderito tutti gli esercizi commerciali del territorio, creano uno scarto che ci porta a circa 3500 euro. Con questi, e con qualche donazione di cittadini, contiamo di supportare lo stato di bisogno alimentare, almeno fino a quando non sarà pagata la cassa integrazione a chi ci rientra”.
Ferma restando la priorità alla salute , ora il pensiero del Sindaco è rivolto alle 40 piccole e medie Aziende del suo territorio, i cui titolari, all’indomani della comunicazione di chiusura fino al 3 maggio, cominciano ad essere seriamente preoccupati e non vedono con chiarezza come potrà presentarsi la fase 2, quella della ripresa”. Intanto sul fronte contagi da Covid19, Montappone registra 6 cittadini positivi, di cui 2 ricoverati a Fermo e 4 a domicilio, ma che non destano particolari preoccupazioni. Oltre ad una cinquantina di persone in quarantena. " Questa è al momento la notizia più bella in cui speravamo e che si sta, grazie a Dio, verificando” - scrive Ferranti nel suo post di fb ai cittadini. Per poi passare alle consuete raccomandazioni a restare in casa e rispettare le regole, senza abbassare la guardia.
E conclude con gli auguri di buona Pasqua a tutti: “ Credo siate tutti d’accordo nel volgerli in particolare e con tutta la vicinanza a coloro che sono stati travolti dal terribile virus, colpiti negli affetti più profondi perdendo i loro cari, e a chi sta ancora combattendo su un letto di ospedale o casa. Credo sia meglio lasciare spazio ad un silenzio rispettoso da parte di ciascuno, abbracciati tutti in una solenne preghiera”.






Questo è un articolo pubblicato il 11-04-2020 alle 18:28 sul giornale del 13 aprile 2020 - 587 letture

In questo articolo si parla di attualità, Montappone, aiuti alle famiglie, buoni famiglie, articolo, marina vita, coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bjvF





logoEV
logoEV