Una #Playlist al giorno, Angelica Marcantoni:"La gente pensa per mezzo della musica, decide chi essere e si esprime con la musica"

3' di lettura 10/04/2020 - Dieci canzoni da ascoltare da casa: da Nonno Holliwood di Nigiotti a Franco Battiato.

Monturanese, presentatrice, attrice ed anche speaker: vi presentiamo Angelica Marcantoni. Tutti i sabato mattino intrattiene gli ascoltatori con "Terra di Marca" in onda sulle frequenze di Radio Domani (ore 10.30). Oggi ci presenta la sua #playlist di canzoni preferite.

Credo che la musica sia portatrice di messaggi che vanno ben al di là della piacevolezza d'ascolto. Sembra essere un fatto naturale e a sé stante, avere un'esistenza indipendente dalle preoccupazioni mondane, eppure è intrisa di valori umani, del nostro senso di cosa sia buono o cattivo, giusto o sbagliato, delle nostre visioni politiche e culturali, talvolta anche delle meno confessabili. La gente pensa per mezzo della musica, decide chi essere e si esprime con la musica.

Annunciare i titoli delle dieci canzoni poste nella top ten della mia più personale classifica significa, quindi, svelarvi chi sono.

Tra i vari titoli potreste scorgere le mie priorità, i miei pensieri e i miei principi. Ecco i miei dieci brani preferiti!

1- La cura, di Franco Battiato: canzone del 1996 che canta l'amore universale.

2- Nonno Hollywood, di Enrico Nigiotti: canzone dal testo nostalgico e vincitrice del Premio Lunezia al 69° Festival di Sanremo.

3 - All of me, di John Legend: una sincera dichiarazione d'amore, pubblicata nel 2013.

4 - Hallelujah, dei Pentatonix; l'Hallelujah di Leonard Cohen è stata rifatta da moltissimi ma credo che i Pentatonix, con la loro cover a cappella, siano riusciti a restituire, meglio di chiunque altro, l'anima del testo.

5 - Tsunami, di Eugenio in via di gioia: è il riflesso della vita che fino a qualche giorno fa stavamo vivendo. Tsunami siamo noi, marionette inermi mosse da fili impercettibili.

6 - Anche fragile, di Elisa: pezzo del 2019 che sottolinea il dualismo dello spirito umano, forte e fragile nello stesso tempo.

7- In mezzo a questo inverno, di Tiziano Ferro: brano del 2019, interamente prodotto dal cantautore, il cui testo trae spunto dalla scomparsa della nonna.

8 - Tutto può succedere, dei Negramaro: colonna sonora della serie televisiva omonima. Questo pezzo è ciò che accompagna i ricordi della mia prima esperienza televisiva all'interno della stessa fiction.

9 - Beautiful that way, di Noa: un autentico inno alla speranza.

10 - Nel bene e nel male, di Matteo Faustini, una delle icone del 70°Festival di Sanremo. Con questo pezzo Matteo Faustini si aggiudica il Premio Lunezia. Oltre ad essere l'artefice di uno straordinario gioco di parole e di ossimori, l'artista propone una ballata romantica in chiave pop, facendo forza sulla semplicità di un pianoforte e della sua voce, su un testo curioso e molto ricercato sul piano linguistico. La profondità di questo pezzo altro non è che il riflesso di un animo buono, che ho avuto modo di conoscere in una simpatica intervista radiofonica. Non posso che ricordarlo con affetto!






Questo è un articolo pubblicato il 10-04-2020 alle 08:26 sul giornale del 11 aprile 2020 - 647 letture

In questo articolo si parla di musica, andrea leoni, spettacoli, fermo, monte urano, vivere fermo, articolo, angelica marcantoni, una playlist al giorno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bjmL