La signora delle Erbe ad Amandola

4' di lettura 09/04/2020 - La Casa delle Erbe di Amandola di Maria Sonia Baldoni ha voluto dare un suo contributo in questo periodo che ci vede tutti in casa realizzando dei piccoli video nei quali descrive alcune attività che si svolgono nelle Case delle Erbe. Spesso queste sono legate ai cicli delle stagioni e alle erbe spontanee del periodo, ma non solo.

Vogliono essere delle pillole su grandi conoscenze che condivide con molte persone, particolarmente con i giovani che seguono le sue formazioni. Il calore del camino da dove Sonia parla, dentro la sua casa, cerca di avvicinare quante più persone possibili alla sua attività che porta avanti da molto tempo.
Maria Sonia infatti da oltre trenta anni studia e raccoglie le erbe spontanee, approfondendo il loro uso e le loro proprietà. E’ in continua ricerca delle conoscenze di antiche tradizioni delle popolazione italiche come i Sanniti, i Celti, fino agli Indiani d’America; studia anche il loro legame con le costellazioni del cielo. Ha costruito, grazie alla sua incessante attività, la rete delle Case delle Erbe principalmente in Italia ma anche all’estero. Nella sua attività di raccoglitrice si fa portatrice di un messaggio profondamente legato alla terra e alla natura che traghetta all’insegna del riconoscere il valore di ogni essere vivente, sottolineando l’importanza “della memoria del gesto”. Per questo i suoi laboratori sono sostanzialmente esperienziali e il riconoscimento delle erbe avviene sul campo. Dal 2016, dopo il terremoto, ha scelto di venire a vivere ad Amandola per dare energia a questa terra così colpita e messa alla prova.
E ora nuovamente scossa dall'emergenza virus, ha bisogno di voci positive e che possano dare conforto, come Sonia cerca sensibilmente di fare.


Chi è Maria Sonia Baldoni?

Di Jesi, esperta degli usi tradizionali e attuali delle Erbe gira l’Italia e tramanda questo insegnamento. Ha approfondito lo studio della cultura dei Sanniti del Molise, delle tradizioni celtiche e degli indiani d'America dal punto di vista sciamanico e delle piante sacre a queste tradizioni. E’ Master Reiki, opera trattamenti di benessere, tecniche di rilassamento e visualizzazione ed è operatrice di P.M.T


"Educare all’abbondanza i giovani riavvicinandoli alla terra e alle antiche tradizioni italiche significa dare nuovo valore al nostro territorio, questo è l’aspetto didattico più profondo, anche se meno evidente, del progetto presente che prevede la formazione continua nella raccolta, usi, applicazioni e trasformazione delle erbe spontanee. Ma non solo. La raccolta delle erbe spontanee coinvolge diversi aspetti legati alla cura soprattutto a scopo preventivo o riabilitativo e al benessere psicologico in quanto inerisce alla dimensione fisica e psichica creando così nuove figure professionali che sappiano unire la raccolta delle erbe spontanee alla cura di disagi fisici e psichici. Anche la creatività viene sollecitata nella trasformazione delle erbe raccolte, nella realizzazione di mandala floreali o nel raccontare e scrivere storie che abbiano al centro il mondo delle erbe spontanee. Le applicazioni sono diverse: dalla formazione continua alla creazione di prodotti fitoterapici a base di erbe (oleoliti, creme, balsami, fiori di bach, tisane curative…) sino alla realizzazione di un ristorante con menù a base di erbe spontanee."
Oggi esistono molte Case delle erbe in Italia e molte sono nate anche in Spagna, Tunisia, Romani e Cile.

Com'è nata l'idea delle Case delle erbe?
L'idea è nata nel 1990 a Capracotta, un villaggio di montagna situato a 1.400 metri di altitudine in Molise. Questo era un posto senza economia, senza il turismo e l'unica cosa che il paese aveva era un'abbondanza di natura. Maria Sonia ed altri colleghi hanno deciso di studiare gli usi storici di piante selvatiche nella zona, e poi hanno imparato a raccogliere le piante. Da questa base semplice il movimento è cresciuto. Ogni Casa delle Erbe in Italia è diversa, ma tutti condividono lo stesso stile di vita. La raccolta delle piante selvatiche è l'attività centrale e tutto il sistema funziona come una sorta di cooperativa.
Forte il legame di Sonia con i Sibillini, rafforzato molto dall'evento Naturalia( manifestazione di prodotti naturali e vegetali che si tiene ad Agosto a San Ruffino) fin dalla prima edizione in cui Sonia partecipò.
L'estate 2017 è significativa perchè proprio ad Amandola, si svolge il Festival delle Erbe spontanee, tre giorni di attenzione mirate alle Erbe spontanee che ha ancora di più, dato voce a queste attività.
E allora pronti al prossimo video e alla prossima raccolta?

http://www.casedelleerbe.it.


di Marco Squarcia
redazione@viverefermo.it





Questo è un articolo pubblicato il 09-04-2020 alle 14:03 sul giornale del 10 aprile 2020 - 2402 letture

In questo articolo si parla di attualità, amandola, raccolta, erbe, articolo, coronavirus e piace a squazo87

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bjjZ





logoEV
logoEV