Il mio BUON GIORNO

2' di lettura 07/04/2020 - I banchieri al tempo del Virus. Le banche nel mezzo della crisi del Covid-19. Si può essere diversi? Qualche settimana fa, mi arriva dalla Fondazione Luigi Einaudi un video. È la “lezione” di un docente. Lo vedo e scopro un mondo. Meglio, scopro un italiano con le palle. E scopro che si può fare banca diversamente, volendolo.

Vi prego di leggere quanto scritto, perché la premessa del video è questa: tutti conoscono don Vito Corleone, un malvivente, nessuno conosce Amadeo Pietro Giannini, un grande uomo e un grande banchiere, con un fare diverso dai banchieri odierni.

Sono gli anni dell'emigrazione, a cavallo tra fine Ottocento e primi decenni del Novecento, Giannini è bambino e raggiunge gli Stati Uniti con la famiglia. Il babbo mette su un piccolo negozio di frutta e verdura a San Francisco. Produce e vende, come un contadino di casa nostra. Pietro-Peter ha sette anni quando vede uccidere il padre. A sparargli è un poveraccio che gli doveva un dollaro. Una scena che gli si imprime nella mente. Studia, con sacrificio, frequenta l'università, con sacrificio. Si laurea in economia e viene assunto in una banca. Ci resta sei mesi. Quando se ne va, così motiva la scelta: non condivido il vostro modo di essere banca: prestate i soldi ai ricchi, pensando di essere più garantiti; non li date ai poveri che, invece, li renderebbero sicuramente.

Detto e fatto: costruisce la sua piccola banca, poco vicino a San Francisco, e presta soldi ai poveracci. La banca si chiama Bank of Italy...

Quando il terremoto sconvolge la città, lui porta via gli unici tre lingotti d'oro di cui il suo istituto è possessore. Gli serviranno ad aprirne un'altra, di banca, in una baracca del porto dove su una parete fa scrivere: si prestano soldi come prima e più di prima.

Sono gli anni della grande crisi: gli chiede soldi Frank Coppola, ingegnere senza più lavoro. E gli chiedono soldi due altri ingegneri che vogliono costruire quello che sarà il Golden Gate, il ponte senza mattoni da una parte all'altra della Baia di San Francisco.

Giannini – attenzione - elargisce soldi e non chiede interessi. NON CHIEDE INTERESSI!!!

Chiede solo una cosa: che gli operai siano i suoi clienti. Trova loro cioè un lavoro, riesce a far avere loro una mercede con cui far fronte ai prestiti ottenuti. Oggi quella banca nata in una baracca è la Bank of America.

Ma noi sappiamo tutto di Corleone e nulla di Giannini.

Comodo, per non arrossire di vergogna.




Adolfo Leoni


Questo è un articolo pubblicato il 07-04-2020 alle 11:16 sul giornale del 08 aprile 2020 - 521 letture

In questo articolo si parla di banche, conoscenza, adolfo leoni, prestiti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bjaz