Vivesia: anima e poesia

1' di lettura 06/04/2020 - Torno a presentare delle poesie di Stefania Pasquali donna attenta e impegnata nel sociale nel nostro territorio.

Stefania Pasquali nativa di Montefiore dell'Aso, trascorre quasi trent'anni nel Trentino Alto Adige. Ritorna però alla sua terra d'origine fonte e ispirazione di poesia e testi letterari. Inizia a scrivere da giovanissima e molte le pubblicazioni che hanno ottenuto consenso di pubblico e di critica. Docente in pensione, dedica il proprio tempo alla vocazione che da sempre coltiva: la scrittura di testi teatrali, ricerche storiche, poesie.

Selva Aprutina

Cuore di cardo selvatico
benché fiorito
pungevi
nel sottrarti alla carezza
del vento.
Bellezza vana
serva di sé
e del suo rustico cuore.
Selva Aprutina
odorosa di more
sui margini erbosi.
Scarpate di biancospino
e sentieri di volpi
fra siepe e siepe
tra aglio selvatico
e borragine.
Quanto silenzio
fra i richiami
di uccelli canori
e che pace.

Primavera accade…


Voglio ricordarvi
belle, lucenti,
morbide foglie di pioppo.
Mille e mille giochi...
Piegate, distese, raccolte
vive e tremanti.
Ampie
più delle mie dita bambine,
silenziose e sussurranti
mentre il vento vi colpiva
per farvi danzare.
E i colori!
Mutanti, abiti belli e nuovi
esposti alla vetrina dei sogni...
Incontri di gialli, di verdi,
di marroni e grigi,
mescolati e puri.
A primavera
sulle colline
una tempesta improvvisa
di piccoli fiocchi bianchi
risvegliava l'impellente desiderio
delle corse nei prati
in cerca di fiori e farfalle.
della mia infanzia irriducibile.


di Marco Squarcia
redazione@viverefermo.it





Questo è un articolo pubblicato il 06-04-2020 alle 10:24 sul giornale del 07 aprile 2020 - 246 letture

In questo articolo si parla di arte, attualità, poesia, libri & cultura, articolo e piace a squazo87

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bi7t





logoEV
logoEV