Sant’Elpidio a Mare: La sartoria Martina Simoni dona mascherine alla Protezione Civile

2' di lettura 03/04/2020 - Nuovo gesto di solidarietà da parte di un’impresa locale: la giovane sarta elpidiense ha donato alla Protezione Civile 50 mascherine protettive in cotone.

La solidarietà, l’altruismo e il senso di comunità diventano più che mai importanti in un momento buio e critico come quello attuale. E nel susseguirsi di brutte notizie, a rischiarare queste cupe giornate arriva una nuova storia di solidarietà che ha come protagonista un’impresa del territorio. Autrice del bel gesto, questa volta, è Martina Simoni, da due anni titolare della sartoria omonima a Casette d’Ete (Sant’Elpidio a Mare), specializzata nel confezionamento di capi su misura.

“In un primo momento”, racconta Martina, “ho iniziato a cucire mascherine per la mia famiglia e per alcuni amici, ma poi, viste le richieste in aumento e il protrarsi della situazione di emergenza, mi sono sentita in dovere di fare anch’io qualcosa per aiutare la comunità”. E così, considerando che le mascherine protettive sono da settimane praticamente introvabili in farmacie, negozi e persino online, Martina ha capito che poteva sfruttare la sua passione più grande, quella per il cucito, per dare un contributo davvero prezioso alla sua comunità. Ha scelto quindi di donare 50 pezzi delle sue mascherine “sartoriali” alla Protezione Civile di Sant’Elpidio a Mare, che sin dall’inizio dell’emergenza è in prima linea insieme all’amministrazione comunale nella gestione della crisi e nella fornitura di supporto alla cittadinanza.

Le mascherine donate alla Protezione Civile sono realizzate in 100% cotone e sono lavabili ad alte temperature, così da poter essere sterilizzate e quindi riutilizzate, una caratteristica che le rende ideali per l’uso quotidiano da parte della collettività. Non si tratta ovviamente di mascherine per uso medico, ma sono un valido sostituto per le mascherine protettive monouso ormai divenute introvabili sul mercato.

“Ovviamente, mascherine di questo tipo sono anche personalizzabili, visto che è possibile scegliere il tessuto con cui realizzarle” aggiunge Martina. E in questi giorni, anche la sartoria elpidiense ha avviato una sorta di “riconversione” della sua produzione - proprio come hanno fatto anche importanti brand del mondo della moda - per dedicarsi alla produzione di mascherine protettive riutilizzabili, sempre più richieste dai clienti privati.

Una dimostrazione di come, in questa emergenza, siano infiniti i modi per mettersi al servizio della comunità, trasmettendo un messaggio di positività e speranza.






Roberta Ripa


Questo è un articolo pubblicato il 03-04-2020 alle 18:26 sul giornale del 04 aprile 2020 - 1237 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Sant'Elpidio a Mare, Roberta Ripa, Coronavirus Regione Marche, mascherine

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/biZn





logoEV
logoEV
logoEV