Smerillo-Covid 19: il Sindaco Vallesi ha la soluzione. “Subito tampone a chi ne faccia volontaria richiesta e ricerca degli anticorpi covid”.

3' di lettura 26/03/2020 - “Se positivo saranno applicate tutte le terapie mediche, se negativo si andrà alla ricerca degli anticorpi Covid-19 per accertare l'immunità”. Una proposta semplice, ma che può rivelarsi efficace.

Come vi abbiamo raccontato nelle settimane scorse, il Coronavirus ha toccato anche i confini della zona montana. Certo, c’è preoccupazione, ma la popolazione ha risposto bene ed i casi sono tutti limitati e circoscritti.

La Nazione è in una totale fase di stallo sia socialmente che economicamente, in costante attesa che questa emergenza finisca. Però ci sono anche cittadini che si danno da fare, proponendo soluzioni per uscire da questa stasi generale ed è il caso di Antonio Valesi Sindaco di Smerillo.

Come tutti gli altri Amministratori italiani, anche il Primo Cittadino Vallesi monitora costantemente la situazione del proprio Paese, raccomandando alla Comunità di seguire tutte le norme e le disposizioni necessarie per bloccare il contagio. Antonio, però, ha deciso di fare anche qualcosa in più, ha deciso di proporre una soluzione all’emergenza.

“Prendendo spunto dal fatto che un numero consistente di popolazione, benché ignara, abbia già sviluppato anticorpi contro il virus e non sarebbe quindi più né contagiabile né eventualmente veicolo di infezione – ci spiega il Sindaco Vallesi - insieme al mio amico il dott. Roberto Virgili, abbiamo formulato la nostra ipotesi di soluzione per permettere al Paese e all’economia nazionale di uscire subito dalla situazione di stallo in cui si è caduti con l’avvento di questo virus, ponendo fine alla quarantena laddove non fosse effettivamente necessaria”.

Questa la proposta per accelerare il rientro alla normalità: “Fare il tampone a chiunque ne faccia volontaria richiesta, ad esempio coloro che hanno partite IVA e necessitano di tornare alle proprie attività, lavoratori indipendenti o semplici cittadini. Di conseguenza, i possibili risultati saranno due: positivo o negativo”.

“Quindi – osserva Vallesi – se il tampone è positivo verranno applicate tutte le terapie mediche, al termine delle quali, in caso di guarigione, confermata dalla doppia negatività di ulteriori tamponi, il soggetto sarà immune, né più malato né portatore di contagio, quindi non più bisognoso di alcuna misura cautelare per il contenimento riguardo la diffusione del virus”.

Nel caso opposto: “Se risulterà negativo, si procederà con la ricerca nel siero di anticorpi Covid – 19 e se saranno presenti, il soggetto sarà immune, quindi per lui cesseranno tutte le misure restrittive, perché ne più infetto nè più portatore di contagio. Tali individui perciò potranno riprendere la propria attività lavorativa. In caso invece gli anticorpi non fossero presenti, il soggetto non sarà immune quindi per lui rimarranno attive le norme di restrizione”.

Una soluzione sicuramente semplice, ma che potrebbe rivelarsi molto efficace: “Con questo metodo, si identificherebbero subito i soggetti guariti ed immuni da Covid-19, che potrebbero riprendere le proprie attività senza dover attendere la fine della pandemia, inoltre si eviterebbe di prolungare all’infinito inutili misure restrittive a tutte la popolazione, le quali potrebbero avere gravi conseguenze economiche, sociali e psicologiche ed infine questa soluzione non ostacolerebbe la scoperta e commercializzazione di terapie adeguate o del vaccino, che offrirebbero una soluzione definitiva all’epidemia”.

Il Sindaco Vallesi, dopo aver sentito i pareri di esperti nel settore medico sanitario, sta lavorando per portare tale proposta ai Responsabili della Sanità Provinciale e Regionale: “Nei prossimi giorni, cercheremo di sottoporre la nostra ipotesi di soluzione agli Enti incaricati e siamo disposti anche a proporre Smerillo come “campione” per effettuare i tamponi, vista la minore popolazione rispetto ad altri Comuni, si avrebbero risultati in tempi minori”.

Conclude Vallesi: “Siamo consapevoli di non avere scoperto nulla di eclatante, tuttavia si tratta di una soluzione semplice, diretta e che potrebbe aiutare a superare l’emergenza sia dal punto di vista economico che sociale”.






Questo è un articolo pubblicato il 26-03-2020 alle 15:48 sul giornale del 27 marzo 2020 - 7777 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, sicurezza, emergenza, immunità, crisi economica, soluzione, sanità marche, precauzioni, articolo, comune di Smerillo, alto fermano, coronavirus, covid 19, tampone coronavirus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bito





logoEV
logoEV