Un 2020 bisesto ricompone i Ricchi e Poveri ma la neve di primavera rovina il loro “diadema di ciliegie”

1' di lettura 23/03/2020 - Nevica, come previsto, a quote basse. Talmente basse che anche sul nostro litorale piccoli ma consistenti fiocchi di neve rendono particolare questo lunedi, il primo della primavera 2020

Praticamente digiuni del soffice manto bianco per tutto l’inverno, arriva inopportuna anche la neve.
Bella e desiderata soprattutto dai bambini ma in ritardo, ha perso la sua giusta stagione.
Di sicuro, come già successo nei primi giorni di marzo quando la fioritura anticipata della mimosa innescata da un clima mite è stata rovinata, così sarà anche per i ciliegi in fiore la cui bellezza è ammirabile pure a casa nostra.
A Pedaso si nasconde un vero e proprio parco, un terreno dove oltre 2000 piante ubriacano in questo periodo il passante distratto di colori.
Cìè una zona, un posto dove, come in una vecchia canzone, è possibile realizzare un “diadema di ciliegi” per la propria innamorata.
Si proprio come quella canzone del ’72 dei Ricchi e Poveri ormai sbiadita nei ricordi dei meno giovani “ . . . Un diadema di ciliegie misi sui capelli tuoi misi sui capelli l'unico gioiello che posso dare a te . . .”


di Lorenzo Bracalente
lorenzo.bracalente@gmail.com
 







Questo è un articolo pubblicato il 23-03-2020 alle 13:04 sul giornale del 24 marzo 2020 - 1829 letture

In questo articolo si parla di cronaca, neve, primavera, canzoni, articolo, lorenzo bracalente, ricchi e poveri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bifk