Di origine macedone la famiglia colpita dal grave lutto

1' di lettura 08/01/2020 - Per la bambina K. J. F. di sei anni compiuti non c’è stato nulla da fare. Quando sono entrati i vigili del fuoco nel vano tentativo di tirarla fuori dalle fiamme era già morta con ogni probabilità per asfissia e per le ustioni riportate

Questa notte verso le tre è scoppiato un incendio per cause in corso di accertamento. E' questa la ragione per la quale la palazzina dove si sono sviluppate le fiamme è sorvegliata dai carabinieri. L'appartamento dove la sfortunata famiglia alloggiava è all'interno di una palazzina antica nel centro storico e si affaccia sulla statale che da Porto San Giorgio conduce ad Amandola.
Si dovrà indagare a fondo per cercare di capire cosa sia successo in questa notte infausta per la famiglia che, dalle notizie raccolte, si era trasferita a Servigliano qualche mese fa.
La bimba doveva festeggiare il suo compleanno fra qualche giorno; in pochi la conoscevano e, probabilmente a seguito del recente trasferimento, non era ancora stata iscritta nelle scuole di Servigliano.




redazione Vivere Fermo


Questo è un articolo pubblicato il 08-01-2020 alle 10:29 sul giornale del 09 gennaio 2020 - 2640 letture

In questo articolo si parla di cronaca, attualità, incendio, carabinieri, fuoco, fermo, servigliano, bambina, morte, ustioni, fiamme, notizie, articolo, macedone, Redazione VivereFermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/beML





logoEV
logoEV