Vivesia: anima e poesia

1' di lettura 14/12/2019 - Riprendiamo una rubrica dedicata alla poesia locale e lo facciamo con 2 poesia di Stefania Pasquali, tratte da un suo libro. Eccole a voi.

Stefania Pasquali, risiede nelle Marche da svariati anni.
Inizia a scrivere da giovanissima ottenendo successi e consenso di critica. Ha partecipato a numerosi Concorsi di Poesia nazionali ed internazionali. Da alcuni anni si interessa di ricerca storica, sociologica e di costume.

Vicolo degli Archi

…e la ripida scala di pietra

sull’unico balconcino

del monastero perduto.

A mezzogiorno

il chiostro s’illumina

di luce obliqua

che si slarga

fra mura screpolate,

Odori antichi

di fornelli a carbone

si mescolano all’acre

essenza di muffe

e orina di gatti randagi.

(Dal Libro di Poesie: La collina dei girasoli)

Al mattatoio

Odore di sangue caldo

al mattatoio

che tra i vecchi cardini

sporchi

serra ancora

i grugniti atroci

del maiale scannato

per la festa del paese.

Ai bambini piaceva

lo spettacolo di morte

di quell’altare pagano

L’affilato coltello

di Gino

affondava nella giugulare

lardosa e palpitante

con la sola pietà

della lama tagliente.

(Da:La collina dei girasoli)


di Marco Squarcia
redazione@viverefermo.it





Questo è un articolo pubblicato il 14-12-2019 alle 14:22 sul giornale del 15 dicembre 2019 - 193 letture

In questo articolo si parla di attualità, poesia, marche, storie, anima, articolo e piace a squazo87

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bd5Z





logoEV