Il FAI a Fermo per uno speciale Natale

2' di lettura 13/12/2019 - Grazie alla disponibilità della Famiglia Biondi si apriranno le porte di uno dei Palazzi più belli di Fermo, di recente restaurato: Palazzo Vinci

I visitatori potranno immergersi in un’atmosfera natalizia davvero unica.
Lo scenario è quello di metà Ottocento, in un giorno qualsiasi durante le feste di Natale.
Danzatori e figuranti in abiti d’epoca, animeranno le scene: saloni, cucine e stanze meravigliosamente addobbate, nelle quali troveremo i padroni di casa di un tempo e i loro ospiti intenti a conversare, leggere e vivere gli ambienti domestici in un clima di festa.
Nei saloni poi, la musica risuonerà accompagnando i passi di Valzer e Contraddanze, ai quali i visitatori, se vorranno, potranno unirsi.
Tutto secondo una rigorosa ricostruzione storica fondata sui documenti che narrano la vita quotidiana a Fermo nei Palazzi nobiliari, descrivendo usi musicali e consuetudini sociali. Importanti le collaborazioni culturali che consentono alla Delegazione di offrire uno spaccato di vita ottocentesca nei giorni di festa.
L’Accademia Danze Ottocentesche di Roberto Longo e Paola Pennacchietti, basandosi su un’accurata ricerca documentale dei riferimenti musicali e artistici in uso a Fermo, e in particolare a Palazzo Vinci nella seconda metà dell’Ottocento, offrirà uno spettacolo rigorosamente in linea con quelle che erano le caratteristiche sociali dell’epoca.
Ad affiancare l’Accademia, i bravissimi musicisti Samuele Ricci e Valeria Tamburrini, un duo di violinisti diplomati al Conservatorio G. B. Pergolesi che eseguirà brani di intrattenimento e di accompagnamento alle danze.
La curatela storica è stata affidata a Felice Mariano, giovane storico dell’arte che ha rintracciato nei documenti d’archivio tutti i retroscena e le notizie relativi al Palazzo, contribuendo a definire con coerenza e precisione le varie scene che si potranno ammirare negli ambienti.
Insieme a lui, ci sarà un altro professionista della cultura, Massimo Temperini, a guidare i visitatori nei meravigliosi saloni del Palazzo, conducendoli dalle cantine (dove è ospitata una prestigiosa collezione di arte contemporanea) fino al salone nobile dove si esibiranno i danzatori. Lì, tra ambienti e arredi sfarzosi, i visitatori che vorranno, potranno unirsi alle quadriglie e alle altre figure di danza in voga all’epoca, per vivere un’esperienza davvero irripetibile.
L’evento inizierà alle 17 e si protrarrà fino alle ore 23 (sosta danze dalle 19.30 alle 21.00). L’ingresso è aperto a tutti ed è a contributo libero, da devolversi agli scopi istituzionali della Fondazione. Sarà possibile iscriversi al FAI in loco, rinnovare la propria tessera e magari approfittarne per donarla a Natale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-12-2019 alle 13:52 sul giornale del 14 dicembre 2019 - 755 letture

In questo articolo si parla di attualità, natale, fermo, Comune di Fermo, palazzo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bd3f





logoEV
logoEV