x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Fermo: Ampliata la scuola dell’infanzia e primaria di Molini Girola

2' di lettura
4268

di Benedetta Luciani
redazione@viverefermo.it


Una nuova aula, una mensa con annessa stanza per lo sporzionamento dei pasti e un parco giochi. Tra non molto pronta anche la palestra.

Al centro di un piccolo universo rappresentato dal quartiere Molini Girola v’è la scuola. Una scuola sempre più conosciuta e apprezzata grazie al lavoro e alla passione delle insegnanti e all’impegno e alla tenacia della dirigente scolastica Marinella Corallini. Un pomeriggio piovigginoso come quello di oggi, giovedì 28 novembre, non è riuscito a frenare l’entusiasmo dei bambini che prima del taglio del nastro da parte del sindaco Calcinaro hanno intonato in coro l’Inno d’Italia. Una mensa, un’aula e un parco giochi. Per ora. A ciò si aggiunga il completamento, a brevissimo, dei lavori per una palestra che sarà fruibile non solo dagli alunni ma anche dalla cittadinanza. Oltre agli insegnanti il ringraziamento della dirigente e del sindaco va a Stefano Faggio, consigliere locale, agli assessori ai lavori pubblici e all’urbanistica Ingrid Luciani e Francesco Nunzi, all’ing. Marco Ramadori, progettista e direttore dei lavori, al settore lavori pubblici del Comune di Fermo con Daniela Diletti e Alessandro Paccapelo per aver supportato il progetto e infine alla ditta Gemini della provincia di Frosinone per aver svolto i lavori al meglio; lavori che, come spiegato dall’ing. Ramadori, si attestano intorno ai € 480.000 complessivi. Perciò, dopo Salvano, l’attenzione che l’amministrazione Calcinaro sta rivolgendo alle scuole si sposta su di un’altra estremità del territorio coperto dall’ISC “Da Vinci-Ungaretti”: la scuola di Molini Girola che, come osserva la preside Corallini, costituisce un punto nodale, di riferimento per le zone limitrofe e per il fermano tutto tanta la cura e l’attenzione che ivi viene riservata al benessere dei bambini. Questo ampliamento, oggi, ne è la prova sostanziale.



Questo è un articolo pubblicato il 28-11-2019 alle 18:09 sul giornale del 29 novembre 2019 - 4268 letture