"La corsa a sostituire prodotti in plastica tradizionale, senza linee guida, rischia di generare caos nella gestione e negli impianti"

3' di lettura 06/11/2019 - A dichiararlo è il Senatore della Lega Paolo Arrigoni, Questore a Palazzo Madama e componente della Commissione Ambiente, che come primo firmatario ha depositato con altri colleghi in Senato un’interrogazione indirizzata al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa

"A seguito della recente Direttiva Europea sulla plastica monouso, che impone il divieto di commercializzazione di questo tipo di manufatti e che dovrà essere recepita entro il 2021, stiamo assistendo in Italia ad una frenetica comparsa sul mercato di prodotti realizzati in materiali compostabili, anche in ragione della discutibile messa al bando anticipata dei manufatti monouso in plastica tradizionale da parte di alcune amministrazioni pubbliche. Questa situazione sta già determinando alcune criticità da affrontare immediatamente per evitare che venga messa in crisi l’intera filiera del recupero dei rifiuti organici”.

La compresenza sul mercato di manufatti compostabili e di plastica convenzionale, oltre a quella di “manufatti compostabili” non certificati sta creando confusione tra i consumatori e gli operatori che effettuano le raccolte con un pesante decadimento della qualità dei rifiuti organici e un conseguente aggravio dei costi del recupero del rifiuto organico che ricadrebbe inevitabilmente sulle spalle dei cittadini”, spiega Arrigoni. “Inoltre, l’aumento dei quantitativi di manufatti compostabili all’interno degli scarti di cucina, fino ad oggi presenti in quantitativi trascurabili, avrà come inevitabile conseguenza un significativo cambiamento delle caratteristiche merceologiche e fisiche dei rifiuti organici, richiedendo adeguamenti tecnici degli impianti di compostaggio”.

È preoccupante che al momento non esista una normativa nazionale che identifichi con certezza il materiale compostabile e che fornisca linee guida riguardanti il suo utilizzo e conferimento”, continua il Senatore della Lega. “Il rischio evidente è quello del caos, manifestato anche dagli operatori del settore che percepiscono il serio pericolo di compromettere la qualità del prodotto finale del riciclo, con un evidente passo indietro nella differenziazione dei materiali, uno dei cardini su cui si impernia l'economia circolare”.

Per queste ragioni – conclude il Senatore Arrigoni nell’interrogazione - la Lega chiede con urgenza al Ministro Costa una normativa che permetta di operare in modo chiaro e che tenga in dovuta considerazione le preoccupazioni e le giuste richieste dei compostatori e di tutta la filiera del recupero dei rifiuti organici; una normativa che preveda che i manufatti compostabili debbano avere un’immediata e facile riconoscibilità che identifichi la filiera di recupero a cui devono essere avviati e la loro tracciabilità. Sono poi essenziali una capillare ed efficace informazione ai cittadini sulle novità prodotte dalla Direttiva Europea sulla plastica monouso e lo stanziamento di adeguate risorse per gli eventuali investimenti che gli impianti di compostaggio dovranno affrontare per far fronte al cambiamento delle caratteristiche merceologiche e fisiche dei nuovi manufatti compostabili”.


Responsabile della Lega Marche Sen. Paolo Arrigoni





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-11-2019 alle 16:15 sul giornale del 07 novembre 2019 - 263 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, lega, Arrigoni, smaltimento materie plastiche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcul





logoEV
logoEV