Porto San Giorgio: Il Sindaco Loira al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per le barriere antirumore e viabilità

3' di lettura 24/10/2019 - Il Sindaco Loira dal sottosegretario Margiotta con il Senatore Francesco Verducci per affrontare una serie di questioni: fra tutte quella che riguarda la manutenzione del porto sangiorgese.

Il Sindaco ha portato ha portato al Ministero, tramite la Regione e su sollecitazione dello stesso ministro Paola De Micheli, diverse problematiche relative alle opere di manutenzione straordinarie da effettuarsi al porto.
In particolare la transitabilità del canale di accesso.
Il Comune di Porto San Giorgio ha di recente richiesto alla Regione il finanziamento di 1,2 milioni di euro: nel dettaglio 700 mila euro per la realizzazione di un escavo capace di riportare la profondità del tratto alle quote di progetto (5 metri) e 500 mila euro per il finanziamento di studio, progettazione e realizzazione di un’opera che rallenti il processo di insabbiamento.

Quest’ultimo intervento è ritenuto necessario per uscire dalle “tenaglie” della burocrazia nelle quali l’infrastruttura si trova ad essere soggetta per un lungo arco temporale (predisposizioni di finanziamenti, espletamenti di procedure per le analisi e la gestione delle sabbie, gare d’appalto). Deve essere preceduto da una dimostrazione che sia in grado di rallentare e contenere il fenomeno di insabbiamento, la progettazione ed il costo di realizzazione. Su ciò conviene anche la Regione, che ha assicurato al sindaco Loira di inserirla nei finanziamenti dell’area di crisi complessa in corso di determinazione.
Lo stesso Loira ha sentito la necessità di rafforzare la richiesta al Ministero delle Infrastrutture. Ha proseguito l’incontro illustrando l’attività che si è compiuta con l’Università politecnica delle Marche per la ricerca e la redazione del Piano regolatore del porto dimostrando la necessità d’avere un canale d’accesso sicuro e transitabile.
Il sindaco ha illustrato anche un’iniziativa che a breve riguarderà le realtà portuali regionali e che punta al coinvolgimento dell’Autorità portuale Abruzzo-Marche. “La competenza dell’Autorità anche sui porti più piccoli significherebbe poter contare su finanziamenti maggiori e sicuri e procedure più snelle”, ha spiegato.
L’altro tema affrontato è quello delle barriere antirumore lungo la linea ferroviaria. Loira ha esposto le iniziative che stanno portando avanti i primi cittadini della costa marchigiana e ribadito la netta opposizione e le ragioni del Comune di Porto San Giorgio.
“L’inquinamento va neutralizzato intervenendo sulla fonte del rumore, ovvero gli stessi treni, e non attraverso le prospettate barriere”, ha aggiunto auspicando anche un intervento legislativo in tal senso.
Con l’occasione è stato anche edotto il sottosegretario della situazione che stanno vivendo le comunità del Fermano per via dell’iniziativa giudiziaria della Procura di Avellino in merito al sequestro in A14 di alcuni viadotti.
“Ho trovato una grande disponibilità da parte del senatore Verducci e del sottosegretario Margiotta ad ascoltare e ad impegnarsi sulle problematiche che riguardano la nostra città – è il commento del sindaco - Hanno compreso l’importanza del tema portuale in un momento particolarmente delicato per il Fermano, condividendo che possa essere una risorsa strategica per tutto il territorio. E’ un po’ la filosofia ed il risultato della ricerca dell’Università sviluppato attraverso la pianificazione”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-10-2019 alle 15:04 sul giornale del 25 ottobre 2019 - 699 letture

In questo articolo si parla di politica, porto san giorgio, Comune di Porto San Giorgio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bb3f





logoEV
logoEV