Porto Sant'Elpidio: Paolo Crepet a NON A VOCE SOLA 2019 con "Passione"

3' di lettura 19/09/2019 - Storie di uomini e di passioni raccontate da Paolo Crepet al Teatro delle Api in occasione del Festival Itinerante "Non a voce sola"

La X edizione di "Non a voce sola" ha portato sul palco del Teatro delle Api un grande ospite, Paolo Crepet.
Paolo Crepet, noto psichiatra, sociologo, educatore, saggista e opinionista italiano, ha parlato al numeroso pubblico presente in sala di passione e di coraggio: "Senza passione non vi è vita vera, senza passione non vi è visione del futuro, in primo luogo del proprio".
Non bisogna arrendersi a questa perdita; la passione va invocata, provocata, inseguita, raccontata. Viviamo nell'epoca delle passioni tristi e della morte del desiderio, dove purtroppo i primi ad essere privi di passione sono i giovani. I pericoli che portano all’apatia sono tanti, dai social network che innescano veri e propri processi di assuefazione ai discorsi di genitori e adulti che sono capaci di parlare soltanto di mutui, di come va male il mondo o di insegnanti che dicono agli studenti di non vedere l’ora della pensione.
La gioventù ha il diritto di fare l’esperienza della passione e di incontrare persone in grado di far appassionare. Purtroppo la possibilità di fare esperienza sensoriale rischia di essere sostituita da quella virtuale visto che molti sono i giovani che sprecano il loro tempo davanti ad uno schermo dove la virtualità diventa l’alternativa ad una vita reale.
La tecnologia dovrebbe servire e non sostituire l'esperienza reale come sta accadendo ed è così che a soccombere sono la passione e il coraggio. Per sviluppare una passione bisogna incontrare le persone, quelle vere.
Attraverso le stesse esperienze fatte da Paolo Crepet, il suo nuovo libro contiene tante riflessioni e storie di uomini che hanno avuto il coraggio di inseguire e costruire la propria passione; quella sfida lanciata al mondo e a se stessi per continuare a migliorarsi,a sperare, a sognare. Persone che ci insegnano che la passione si basa sulla testardaggine, sulla cocciutaggine e sulla libertà.
Ci sono le testimonianze di tre uomini, campioni di passione: Paolo Fresu, trombettista e filicornista colto e raffinato, stella del jazz italiano; Alessandro Michele, uno degli stilisti italiani più influenti a livello mondiale, e Renzo Piano, tra i più celebri architetti e designer italiani contemporanei. Bisogna fare attenzione a quello che si insegna ai giovani. Dire che per riuscire nella vita ci vogliono denaro, raccomandazioni e colpi di fortuna è da disonesti. Bisogna provare, tentare, perdere, se necessario, per poi vincere.
Il consiglio per affrontare la vita è di non accontentarsi e di fare tutto il possibile per migliorare la propria condizione anche se questo costa fatica. Bisogna tentare, cadere, perché solo così si vive pienamente, si cresce e si vince.
Crepet ha fatto al pubblico un dono prezioso, ha regalato degli stimoli, delle sfide, degli argomenti su cui riflettere una volta tornato a casa.


di Keti Iualè
redazione@viverefermo.it







Questo è un articolo pubblicato il 19-09-2019 alle 22:27 sul giornale del 20 settembre 2019 - 1251 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/baNc





logoEV