MUS-E del fermano: nuovi scenari nazionali ed internazionali

2' di lettura 16/09/2019 - Tra Salento, Bruxelles e programmi Erasmus riprende l’impegno di Mus-e nelle scuole del fermano

Mus-e del Fermano è stata presente ieri pomeriggio e per tutta la scorsa settimana con il suo artista Gioele Balestrini nell’esperienza della residenza musicale ospitata nell’ambito del festival Muse Salentine di Alessano, in provincia di Lecce, ed organizzata dalla Fondazione Internazionale Yeudhi Menuhin.
Si è trattato di un percorso formativo con musicisti di varie sedi Mus-e italiane ed altri facenti parte della Brussels Chamber Orchestra.
Il concerto finale di domenica ha visto l’ensamble esibirsi in Piazza Castello ad Alessano insieme ad un ospite d’eccezione, il violinista salentino Alessandro Quarta, talentuoso musicista di fama internazionale.
“Mus-e coltiva l’arte ed i talenti in diversi ambiti – sottolinea Enrico Paniccià, presidente di Mus-e del Fermano e consigliere nel board di Mus-e Italia – e poter avere un nostro artista, il giovane percussionista Balestrini, in una esperienza formativa come questa non può che arricchire tutto il nostro parco artisti impegnato nei laboratori con i bambini nelle scuole del territorio già a cominciare dalle prossime settimane.
La formazione dei nostri collaboratori è un tema fondamentale per noi di Mus-e, e sarà nuovamente al centro di un progetto Erasmus che ci vede coinvolti direttamente, insieme al Comune di Fermo e all’ISC Fracassetti Capodarco e a molti partner europei, proprio per condividere esperienze pedagogiche incentrate sui diversi linguaggi artistici con training formativi che si terranno tra Spagna, Portogallo, Germania, Belgio, Ungheria ed Italia.
E Fermo sarà nuovamente punta d’eccellenza visto che ospiterà uno degli appuntamenti internazionali previsti dal progetto”.
Dunque, si conferma il valore della rete nazionale ed europea per l’associazione Mus-e del Fermano come caratteristica che la rende particolarmente incisiva nel suo compito di portare l’arte nelle scuole primarie per favorire l’inclusione sociale: “la scommessa che abbiamo fatto quando iniziammo questo percorso una decina di anni fa era di portare nel nostro territorio un modello d’intervento pedagogico con le scuole innovativo e funzionale e che avesse al centro il tema dell’arte. La costante crescita delle classi coinvolte in Mus-e e le continue richieste che arrivano – conclude Paniccià - ci fanno pensare di aver colto nel segno”








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-09-2019 alle 12:59 sul giornale del 17 settembre 2019 - 315 letture

In questo articolo si parla di cultura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/baD1





logoEV
logoEV
logoEV