x

SEI IN > VIVERE FERMO >

Dove trascorrere l'alba di ferragosto? Ve lo consigliamo noi!

4' di lettura
1028

di Lorenzo Cortellucci


5 luoghi in cui ammirare cieli stellati o godersi un'alba da non dimenticare

Come per Capodanno o Pasquetta, anche per Ferragosto è difficile decidere dove andare e cosa fare. Falò in spiaggia? Barbeque con amici in montagna? O nottata in una grande Città? Queste sono solo alcune delle tante domande che attanagliano gli italiani, indecisi su come trascorrere la serata che va dal 14 al 15 Agosto. E allora si attende l’ultimo momento, sperando nell’illuminazione che sciolga il dilemma. Bè ve lo risolviamo noi l’arcano!
Eccovi 10 luoghi caratteristici e suggestivi dove poter ammirare le stelle e trascorrere l’alba “ferragostiana” in modo unico ed alternativo.
Iniziamo da un piccolo Comune montano della Provincia di Fermo, Smerillo; ricco di storia ed immerso nel verde, offre scorci mozzafiato e paesaggi indimenticabili e per l’occasione ci regala il 1° luogo del nostro “elenco”, ovvero “la Rocca”. Il nome evoca richiami storici, infatti è una parte del castello medievale su cui sorgeva anticamente Smerillo. Situata nella parte alta del paese, è facilmente raggiungibile dopo una breve passeggiata. Il nome deriva proprio dalla “rocca medievale” di cui conserva ancora i resti (scalinate, cinte murarie, muraglioni, feritoie e scalinate). Una volta giunti sul posto, oltre ad essere circondati da anni di storia, vi colpirà il panorama infinito che vi circonda: da ogni versante in cui volgerete lo sguardo potrete ammirare allo stesso tempo i Monti Sibillini ed il mare. E che dire della sera. Avendo anche la possibilità di montare una tenda sul luogo, potrete anche ammirare l’immenso cielo stellato che vi sovrasta e che vi condurrà fino all’alba.
Il 2° luogo appartiene sempre a Smerillo, si tratta della “Fessa” o “Prato della Fessa”. Trovandosi proprio nel centro storico, è semplicissimo da raggiungere. Lo sguardo viene subito rapito dal suggestivo arco medievale che fa da entré al successivo paesaggio, ovvero una meravigliosa terrazza naturale che si affaccia sulle colline marchigiane, facendo rimbalzare lo sguardo fino al mare. Il prato sotto ai vostri piedi estremamente curato, vi permetterà di rilassarvi e godervi l’indimenticabile alba che verrà.
Poco distante da Smerillo, vi è un altro Comune, anch’esso montano: Montefalcone Appennino. Di origine medievale, conserva molti resti ben conservati di quei secoli. Difficile scegliere un unico luogo, perché qui ce ne sono davvero tanti da consigliare, come “Il Giardino Tronelli”, “La Terrazza Panoramica”, o “Il Torrione medievale”, ma noi ne annotiamo un altro. Forse è meno conosciuto ai più, ma sarà di certo apprezzato, si tratta del “Tiro a segno”. Originariamente usato per il tiro a bersaglio sportivo, di recente è stato ammodernato e diventerà un importante sito di interesse di Montefalcone. È un luogo totalmente immerso nel verde, con un grande prato che delimita l’area: altalene, giochi all’aperto e scivoli per bambini ed anche un campetto da pallavolo per i più grandi. Vi è anche la possibilità di sostarvi con tende e camper. Trascorrere l’alba qui è facile, con la natura che vi circonda ed un suggestivo panorama. Ciliegina sulla torta l’ampia terrazza dalla quale ammirare le stelle anche grazie al telescopio panoramico.
Spostandosi più verso la collina, troviamo la Città di Amandola, che ci regala il nostro 4° luogo, ovvero il “Lago di San Ruffino”. Distante circa 10 minuti di auto dal centro storico, questa località è un vero e proprio piacere per i cinque sensi. Di origine artificiale, il Lago è visibile da più punti, facilmente raggiungibile e intorno è possibile percorrere diversi sentieri per conoscere la zona, oltre a due ristoranti che offrono alloggio e buon cibo. Attorno al bacino si è sviluppato un paesaggio ed un ecosistema a dir poco unici e nel corso degli anni è diventato una famosa meta turistica. Chiamato il Lago d’oro”, lasciamo solo immaginare quanto possa essere affascinante ammirare l’alba che si poggia sopra le sue acque. E che dire dei riflessi del cielo stellato? Da non perdere.
Passiamo al nostro 5° ed ultimo luogo e per farlo ci spostiamo nella vicina Santa vittoria in Matenano. Conosciuta anche come la “Patria dei Monaci Farfensi”, ha numerosi posti dove potersi godere l’alba di ferragosto, come “Il Belvedere”: una lunga terrazza storica che proietta lo sguardo sulle montagne circostanti. Oppure il “Giardino comunale”, sito in Via Ferfense, dal quale si ammira tutto il panorama che circonda il Paese. Infine, il percorso turistico che dalla Chiesa Collegiata conduce a “Lu Cappellò”, ovvero un luogo che si trova nella parte più alta di Santa Vittoria e dove il paesaggio mozzafiato la fa da padrone.
5 luoghi da prendere subito in considerazione, sia per Ferragosto, ma anche in futuro, perché meritano.



Questo è un articolo pubblicato il 13-08-2019 alle 20:10 sul giornale del 14 agosto 2019 - 1028 letture