IX Festival Europeo Vie Francigene, Cammini, Ways, Chemins 2019 e la X edizione de “Le parole della montagna”

3' di lettura 11/07/2019 - Il Festival Europeo Vie Francigene si inserisce nel Festival “Le parole della montagna”. Smerillo, un suggestivo borgo storico a oltre 800 metri di altitudine, che abbraccia il Gran Sasso, i Monti Sibillini, il Monte Conero e il mare

Fil rouge della manifestazione decennale ovviamente la montagna.
Particolare rilievo avranno le escursioni montane, organizzate in collaborazione con la Sezione di Amandola del CAI.
Obiettivo è scoprire le meraviglie paesaggistiche dei Monti Sibillini (Monti Azzurri di leopardiana memoria) e luoghi magici per lo più sconosciuti ai molti, in grado di suscitare all’interno di ciascuno un’esperienza unica. Durante le escursioni sono previsti spettacoli teatrali; alcune serate sono espressamente dedicate al documentarismo alpinistico.
Verranno, inoltre, proiettati a Montefalcone film selezionati dal Trento Film Festival.
Tra gli altri, martedì 16 luglio alle 21.30, sarà proiettato “The Holy Mountain” di Reinhold Messner, con l’introduzione di Flavia Orsati.
Il tema scelto per questa decima edizione dagli organizzatori, intorno al quale ruoteranno tutti gli eventi in programma, è l’orizzonte, la linea immaginaria che separa cielo e terra, limite e indeterminato, finito e infinito.
Il Festival cercherà di suscitare interrogativi e riflessioni in chi decide di partire verso la ricerca di sé. L’orizzonte sarà al centro anche della serata di chiusura della sette giorni di eventi: domenica 21 luglio alle 22.00 è in programma la lectio magistralis di Vittorio Sgarbi dal titolo “I volti delle donne nell’arte”; aspetto essenziale anche della IX edizione del Festival delle Vie Francigene incentrata, appunto, su La Via femminile.
Sensibilità nei paesaggi umani e naturali, una sensibilità, quella della donna, diversa, più analitica e profonda. La Via femminile si sostanzia anche di cammino e musica: nell’ambito di RisorgiMarche – il Festival per la rinascita delle comunità colpite dal sisma ideato e diretto da Neri Marcorè, giovedì 18 luglio alle 16.30 si esibirà Tosca, cantante, attrice eclettica, ricercatrice musicale e sperimentatrice. Piani di Monte Torroncello, palco naturale del concerto, si raggiungerà a piedi partendo da Camerino e passando per Sefro e Serravalle del Chienti, un salto indietro nel tempo in tre Comuni italiani uniti da antiche storie.
“La via femminile – ha detto Sandro Polci, Direttore Artistico del Festival delle Vie Francigene – si arricchisce di un ulteriore appuntamento, sempre più inscindibilmente legato con i cammini ovvero la scoperta di una nuova solitudine: solidale, naturale e di benessere fisico”.
“Le Parole della Montagna dall’alto della piccola Smerillo, borgo di 50 anime affacciato sui monti Sibillini, spegne le sue prime dieci candeline e lo fa declinando la sua decima parola: ORIZZONTE”. – ha commentato Simonetta Paradisi – “Il cammino si concluderà delineando il profilo dei volti di donna nell’arte tra seduzione e mistero, carnalità e sensualità, sogno e desiderio nella lectio magistralis di Vittorio Sgarbi. Lungo il percorso si attraverseranno vecchi e nuovi orizzonti, dalla Madre Terra alle stelle guidati dalla geopoesia.
Poi, in un’esplorazione tutta al femminile, l’orizzonte si farà infinito e verticale: con la giornalista e astrofisica Letizia Davoli racconteremo i passi dell’uomo nello spazio, dalla luna verso le nuove frontiere spaziali e con la biblista e teologa Rosanna Virgili ci muoveremo su rotte inesplorate, in una foresta di mangrovie, fra infosfera ed infinito.
Questo e molto altro troverete al Festival Le Parole della Montagna dal 14 al 21 luglio 2019 per un'esperienza da vivere insieme, in un contesto unico di bellezza”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-07-2019 alle 12:24 sul giornale del 12 luglio 2019 - 325 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, smerillo, comune di Smerillo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9w6





logoEV
logoEV