Come ci cureremo domani: la scommessa della nanomedicina

2' di lettura 22/05/2019 - Sabato 25 maggio - ore 16:30 - Chiesa di San Filippo a Fermo

Molti ricorderanno il film VIAGGIO ALLUCINANTE del lontanissimo anno 1966. Racconta di come un sommergibile con a bordo un chirurgo con la sua equipe viene miniaturizzato ed iniettato nella vena di uno scienziato in coma per embolia cerebrale.
La missione ha lo scopo di rimuovere l’embolo che impedisce il passaggio del sangue e risvegliare lo scienziato. Riusciranno a raggiungere il cervello nel tempo di circa un’ora, che rappresentava la durata della miniaturizzazione e, attraverso innumerevoli vicissitudini, arriveranno nei pressi dell’embolo iniziando ad operare e verranno espulsi attraverso il nervo ottico pochi attimi prima di riprendere le dimensioni normali. Dal 1966, però, non ci si è limitati soltanto ad inventare panorami così “inimmaginabili”… la scienza e la tecnologia hanno fatto progressi tanto importanti da poter pensare che la nanotecnologia possa già essere considerata una realtà nel nostro presente e ancora di più nel nostro immediato futuro.
E ancora: il fisico Richard Feynman già settanta anni fa ipotizzava che potrebbe esserci una possibile applicazione, molto interessante delle nanomacchine molecolari sintetiche e immaginava che sarebbe interessante se, per esempio, in caso di una malattia cardiaca si potesse “inghiottire” un chirurgo di dimensioni nano: questi arriverebbe al cuore, farebbe una visita dettagliata, scoprirebbe qual è la valvola difettosa e, già che c’è, potrebbe ripararla immediatamente.
Sembrerebbero assurdità ma è il futuro della medicina, il futuro dell’uomo. Di questo e di tanto altro ancora ci parlerà il Prof. Massimo Masserini. Insegnante di Biochimica e Biologia molecolare all’Università di Milano-Bicocca.
L’incontro è fissato per il prossimo sabato 25 maggio 2019, a partire dalle ore 16:30, presso la chiesa di San Filippo di Via Cavour n. 53, a Fermo.
E’ uno degli appuntamenti imperdibili di Italia Nostra, sezione del Fermano, volto a suscitare l’interesse per un futuro che non è affatto irreale, ma prossimo e possibile, che a tanti è sconosciuto ma che è già realtà.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2019 alle 23:14 sul giornale del 23 maggio 2019 - 293 letture

In questo articolo si parla di attualità, italia nostra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a7NP