Vivere Salute, Caffè alla cicoria: un concentrato di benessere!

1' di lettura 01/12/2018 - Appuntamento con i consigli di Sonia Bolognesi, giovane biologa - nutrizionista fermana.

Il caffè alla cicoria risulta essere una valida alternativa al “caffè classico” ed ha immense proprietà nutraceutiche. Si ricava dalle radici della cichorium intybus, che viene raccolta in autunno, fatta essiccare, poi tostata e successivamente liofilizzata. Il sapore è amaro (per via dell’acido cicorico, che ne conferisce il tipico sapore), è epato protettiva (protegge e detossifica il fegato), depura la pelle, regola la peristalsi intestinale e risulta essere un elisir di benessere per il microbiota intestinale! Non presenta caffeina, può essere consumato in qualsiasi momento della giornata, anche se, viste le sue proprietà nutraceutiche nella stimolazione della digestione, l’ideale sarebbe consumarlo dopo i pasti!

Ma quali nutrienti troviamo?

Al livello nutrizionale apporta circa 20 Kcal per 100 ml. È ricco di antiossidanti. Soprattutto di polifenoli, molecole coinvolte nella difesa dei processi ossidativi, ossia da quelle reazioni indotte da specie chimiche ossidanti che sono alla base di molte patologie degenerative. Presenta vitamine sia idrosulubili (solubili in acqua) e liposolubili (solubile nei grassi) e sali minerali, facendolo risultare cosi un ottimo ricostituente fisico! Grazie all’inulina (fibra) rallenta il picco glicemico post prandiale (dopo aver mangiato), contribuendo al mantenimento della glicemia nel range ottimale, promuovendo quindi il dimagrimento.


da Dott.ssa Sonia Bolognesi
biologa-nutrizionista





Questo è un articolo pubblicato il 01-12-2018 alle 07:22 sul giornale del 02 dicembre 2018 - 2145 letture

In questo articolo si parla di attualità, nutrizionista, articolo, vivere salute, Dott.ssa Sonia Bolognesi, biologa, caffé alla cicoria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a1Yc





logoEV
logoEV