Convegno dei negazionsti dell’Aids a Fermo: la Croce Verde ritira la disponibilità per la sede

1' di lettura 30/11/2018 - A seguito delle critiche, anche dure, sulla concessione della sala conferenze della propria sede ad alcune associazioni locali per lo svolgimento di un convegno sul negazionismo dell’Hiv/Aids, la Croce Verde di Fermo ha deciso di ritirare la di ritirare la disponibilità della propria sede.

L’annuncio è stato dato con un comunicato pubblicato sulla pagina Facebook dell’ente, la sera del 29 novembre:

“La P.A. Croce Verde di Fermo - Onlus ritiene di dover tornare sul dibattito innescatosi dopo la decisione di concedere una sala convegni all'associazione culturale Indaco. Sorpresa e fortemente dispiaciuta per le reazioni veementi e per i giudizi non corretti, pur nella completa sua estraneità rispetto ai temi trattati, la Croce Verde di Fermo si trova nella necessità di tutelare la propria immagine ed i soci dall'accostamento fuorviante a idee che non le appartengono. Per queste ragioni la Croce Verde ha deciso di revocare la concessione d'uso della sala alla sopra citata associazione Indaco”.

Soddisfazione è stata espressa dall’Anlaids Marche e da tutti coloro che avevano protestato per la concessione dello spazio di un ente deputato al soccorso e all’assistenza ai malati a chi propaganda teorie pericolose per la salute della collettività e che tanti morti hanno provocato nel mondo; a prescindere dal fatto che la concessione di una sede non implichi necessariamente avallare le tesi di chi viene ospitato.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11-2018 alle 16:55 sul giornale del 01 dicembre 2018 - 485 letture

In questo articolo si parla di attualità, valeria bellagamba, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a1W9





logoEV
logoEV