A Petritoli si premia la poesia!

4' di lettura 12/08/2018 - Giunto alla seconda edizione, il Concorso va alla scoperta del “viaggiare” in tutti i suoi significati e sfumature

Una notte speciale per la splendida Petritoli che, nella notte del 9 agosto, ha celebrato la poesia con la serata di premiazione del Concorso Internazionale di Poesia “Città di Petritoli”, organizzato dall’Associazione Culturale Musicalità ed Espressioni con il patrocinio del Comune di Petritoli. La location è da sogno: la terrazza dell’Orto dell’Asilo, nel pieno centro di Petritoli, che si affaccia sulle bellezze della città e dei paesini limitrofi; una cornice mozzafiato per immergersi nell’atmosfera della poesia. Giunto alla seconda edizione, il Concorso va alla scoperta del “viaggiare” in tutti i suoi significati e sfumature. Era proprio questo il tema di quest’anno, il “Sentimento del viaggio”, inteso come il viaggiare fisicamente alla scoperta del nostro pianeta, la ricerca della novità, il lasciarsi stupire da quello che il viaggio ci insegna, ma anche interpretato in maniera più intensa come un’esplorazione mentale, un discostarsi dalla realtà per viaggiare con la fantasia. A decretare il vincitore una giuria di tutto rispetto; il Presidente di giuria il dottor Giovanni Zamponi, lui stesso poeta oltre che medico e farmacista, la professoressa Anna Pennesi, insegnante di Lettere antiche, la professoressa Cristina Lanotte, insegnante di disegno e artista, Cristiana Millevolte, professoressa e musicista, Luigi Portelli, professore di Lettere e Filosofia e il dottor Carlo Pagliacci, Editore per Zefiro Edizioni. Subito si entra a contatto con la poesia, si recitano due poesie inerenti al tema, particolare il componimento su Gulliver accompagnato dalle slide con i disegni del misterioso artista Alex. Prima di addentrarci nella premiazione e svelare il nome dei cinque finalisti, c'è tempo per una bellissima intervista al dottor Zamponi che parla al pubblico della poesia ai nostri tempi. Particolarmente emozionante la risposta alla domanda del presentatore Maurizio Ricci: come si fa il poeta? Il dottore dice che il segreto è non mollare mai, come la passione per la poesia, anche l'entrare in contatto con persone di fama nazionale è stato per Zamponi improvviso, del tutto inaspettato e casuale. Il talento è sicuramente importante, il dono unico dell'interlocuzione con ciò che ci circonda, osservare le cose e riuscire a proiettarlo sulla dimensione "altra", portarla su un livello più alto e strettamente personale. Ma fa parte del talento del poeta soprattutto mettere a disposizione degli altri questa magnifica capacità, condividere la propria unicità con gli altri. Si passa così alla lettura delle poesie con la voce di Lorella Salvucci, e alla presentazione del podio della prima categoria, ovvero la poesia in lingua italiana: Primo posto con la poesia "Un pesco in fiore" Marino Miola, secondo posto con la poesia "Il mio Arno" Venusia Marconi, terzo posto con la poesia "Nei libri e nei sogni" Silvia Cotechini. Si procede con la categoria della poesia in vernacolo, che intrattiene e coinvolge in maniera unica il pubblico, emozionando e suscitando anche qualche risata. Al primo posto di nuovo Marino Miola con "La sagra de la pulenta", al secondo posto con la poesia "So nata troppo presto" Sonia Trocchianesi e al terzo posto con la poesia "Ve tirenne" Angela Lattanzi. Per la categoria lingua straniera vince la italo-tedesca Miriam Otto. L'ultima premiazione è quella speciale del Trofeo Città di Petritoli riservato "all'autore che si è maggiormente distinto nelle immagini, nei sentimenti e nella musicalità dei versi proposti a giudizio", vinto dall'emergente poetessa fermana Silvia Cotechini con la sua poesia "Nei libri e nei sogni". Foto e festeggiamenti per concludere la serata e l'emozionante tributo al grande poeta petritolese Maestro Emilio Guarnieri, famoso in tutta italia per le sue poesie che traboccano di amore per la sua città, che ha voluto ricordare che Petritoli è la patria di ben 18 scrittori. La serata si conclude con uno spettacolo di giocoleria col fuoco che ipnotizza gli spettatori e chiude in bellezza questa serata poetica e sognante.








Questo è un articolo pubblicato il 12-08-2018 alle 14:35 sul giornale del 13 agosto 2018 - 1642 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, Silvia Cotechini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXtH





logoEV
logoEV