Amandola,Sisma: laboratorio a cielo aperto per la Summer School

2' di lettura 03/08/2018 - Studenti, architetti ed ingegneri studiano gli effetti del terremoto.

Iniziata il 25 Luglio con l’arrivo degli studenti e dei professori nella Città di Amandola, la Summer School sta procedendo a pieno ritmo. Organizzata dall’Amministrazione Comunale e dall’Università Politecnica delle Marche, in collaborazione con l’Università di Cambridge, ha fatto si che Amandola diventasse per una settimana un vero e proprio laboratorio a cielo aperto.

In questa intensa settimana gli oltre 30 studenti giunti nella Città, guidati dal instancabile Responsabile, il professor Antonelli Alici e da numerosi altri docenti, hanno studiato ed esaminato in modo approfondito il centro storico e le zone che sono state danneggiate dal forte terremoto del 2016. Intitolata “Living with earthquakes”, la Summer School è stata finalizzata, inoltre, allo studio delle tecniche e degli strumenti per mitigare le conseguenze delle scosse sugli edifici e strutture.

Dopo la presentazione degli studenti partecipanti e dei relativi professori, sono iniziati i sopralluoghi nel centro storico Amandolese. Il gruppo, guidato dai responsabili dell’Ufficio Tecnico comunale, ha potuto esaminare la situazione attuale e dove operare in futuro.

Proseguendo gli studi, nella successiva giornata, del 27 Luglio, ci si è spostati, con i trasporti offerti dal Comune di Amandola, verso l’Archivio di Stato di Ascoli Piceno, dove sono conservati i documenti e gli archivi amandolesi. A seguire, il 29 Luglio, il gruppo di studenti e professori ha visitato la città di Tolentino, altro paese danneggiato dal sisma, per proseguire gli approfondimenti anche in altre zone del Centro Italia.

Inoltre, molte delle analisi specifiche, si sono concentrate sul complesso conventuale di San Francesco, proposto come “cantiere scuola” in vista del suo restauro come centro pilota di una nuova rigenerazione . L’esperienza si è conclusa il 1 Agosto, con la mostra dei lavori svolti dagli oltre 30 studenti a tutta la comunità della Città di Amandola, così da renderla partecipe a pieno di questa settimana.

L’Amministrazione comunale si è detta felice e soddisfatta di ospitare oltre ai tanti giovani professionisti, importanti esperti docenti, ingegneri, architetti, geologi e storici d’arte, perché è anche grazie alle loro analisi ed ai loro studi, che Amandola potrà, in futuro, ovviare alle problematiche scaturite dal terremoto e ripartire completamente.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-08-2018 alle 14:17 sul giornale del 04 agosto 2018 - 694 letture

In questo articolo si parla di cronaca, università politecnica delle marche, amandola, Comune di Amandola, summer school, cambridge, sisma 2016

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aXeD





logoEV
logoEV