Camera di Commercio "Marche Sud", Lucentini: "Riportare ordine nelle scelte fatte in modo bislacco e superficiale"

4' di lettura 06/07/2018 - Si è tenuto martedì, 4 luglio, a Montecitorio l’incontro fra il Sottosegretario del Ministero allo Sviluppo Economico (MISE) On. Dario Galli, il Commissario Regionale Lega Sen. Paolo Arrigoni, il Vice Presidente Commissione Cultura On. Giorgia Latini e il Commissario Provinciale Lega Fermo Geom. Mauro Lucentini.

La questione posta sul tavolo dal Commissario Lucentini è stata la richiesta del blocco immediato del Decreto Calenda che riorganizza le Camere di Commercio di tutta Italia e che per la Regione Marche prevede un’unica Camera di Commercio.

Già al tempo i cinque enti camerali marchigiani si erano espressi favorevolmente alla creazione di DUE CAMERE DI COMMERCIO MARCHIGIANE:

  • Camera di Commercio Marche Nord (accorpamento fra Pesaro ed Ancona);
  • Camera di Commercio MARCHE SUD (accorpamento fra Macerata, Fermo ed Ascoli Piceno).

Dopodiché è intervenuta la Regione Marche, con interferenza senza precedenti, forzando la mano a tutte cinque le camere di commercio affinché deliberassero in favore di un’unica camera di commercio.

“Tutto ciò - afferma Mauro Lucentini - oltre che essere profondamente ingiusto, significa l’abbandono totale delle piccole e medie imprese, degli artigiani e dei commercianti, che si troveranno saccheggiati di tutti quei servizi senza i quali sarà difficile sopravvivere. Mi vengono in mente le piccole aziende artigiane calzaturiere che hanno un riferimento fondamentale nella camera di commercio e nell’azienda speciale nel momento topico in cui affrontano le fiere sia in Italia che all’estero. E’ indubbio che da soli i nostri piccoli imprenditori ed artigiani non ce la farebbero. E’ necessario quindi riportare ordine nelle scelte fatte in modo bislacco e superficiale e chiediamo con forza al nostro governo di muoversi attraverso scelte ponderate che tenga conto della nostra realtà socio-economica, profondamente diversa da quella delle provincie di Ancona e Pesaro. Questo non consisterebbe in nulla di nuovo rispetto agli impegni assunti dai vertici Lega durante la campagna elettorale. Termino dicendo che suona come una nota stonata l’apertura di nuovi servizi in tema di sicurezza, vedi l’inaugurazione dei presidi provinciali di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza alla presenza di Matteo Salvini, e la contemporanea chiusura di servizi rivolte alle imprese locali. Ci confronteremo anche con i rappresentanti locali e romani del Movimento Cinque Stelle affinché venga portata avanti un’azione congiunta per il raggiungimento di questo importate obiettivo.”

Sugli impegni assunti interviene il Commissario Regionale Sen. Arrigoni: “Matteo Salvini è da sempre vicino agli artigiani ed imprenditori calzaturieri fermano e maceratesi, basti pensare alla sua presenza nelle ultime tre fiere del Micam di Milano insieme al commissario Lucentini. In quelle occasioni ha sempre dato rassicurazioni in tema di doppia camera di commercio, smantellamento di sanzioni contro la Russia e difesa del marchio Made In e lo ha fatto in diversi incontri con i Presidenti Di Battista (Cam.Com.) e Di Chiara (Azienda Speciale) e il presidente Assocalzaturifici Enrico Ciccola. C’è stato anche un ulteriore incontro all’Hotel Horizon di Montegranaro fra l’On. Giancarlo Giorgetti, oggi Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e il Presidente dell’Azienda Speciale Nazzareno Di Chiara, durante il quale è stato riconfermato l’impegno della Lega per la difesa dei temi di cui sopra. Oggi siamo forza di governo e vogliamo mantenere questi impegni ed è per questo che ho accettato la richiesta di Lucentini, favorendo immediatamente l’incontro con l’On. Galli.”

L’On. Giorgia Latini è intervenuta dicendo: “il mio ruolo è quello di fungere da tramite fra il territorio Marche Sud (che rappresenta il collegio che mi ha eletta) ed il Governo. Mi sto spendendo molto per questa e per altre problematiche marchigiane e continuerò a farlo fino a quando non verrà ristabilito l’ordine delle cose, riportando nel territorio di Marche Sud quello che è giusto.”

La conclusione dell’incontro è stata del Sottosegretario On. Galli: “metterò subito mano a questa delicata situazione e vi assicuro che farò del mio meglio per venire incontro alle richieste del territorio. Non ci vedo nulla di strano nell’accorpamento delle cinque Camere di Commercio a DUE sole Camere così come espresso inizialmente dai cinque consigli camerali, soprattutto visto che verrebbero rispettati tutti i parametri richiesti. Dite pure alle vostri imprenditori, artigiani e commercianti che il Sottosegretario Galli farà del tutto per riportare le due Camere di Commercio nella regione Marche.”






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-07-2018 alle 06:31 sul giornale del 07 luglio 2018 - 894 letture

In questo articolo si parla di politica, Montegranaro, lega nord, provincia di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aWkm





logoEV
logoEV