Fermo: processo Casa Alice, testimonianza drammatica sui maltrattamenti ai ragazzi

1' di lettura 22/12/2017 - Testimonianza drammatica quella di mercoledì 19 diembre al Tribunale di Fermo in una delle udienze del processo che vede imputati 5 educatori per i reati commessi all'interno di Casa di Alice a Grottammare.

Sono stati ascoltati il brigadiere Bosco il maresciallo Forti ed un educatore non indagato Lino Lacchè. In particolare Lacchè ha raccontato di diversi episodi di violenza e di sequestro di persona che gli imputati perpetravano ai ragazzi autistici ospiti del centro diurno.

I ragazzi venivano rinchiusi quotidianamente e senza nessun controllo alcuno nella stanza azzurra a chiave per delle ore, a volte anche mattinate e pomeriggi interi.

Tra gli episodi gravi riferiti, una doccia fredda a una ragazza che si era fatta la pipì addosso, mangiare il dolce preferito di un ragazzo davanti i suoi occhi, sapendo che la cosa lo avrebbe agitato e la dimenticanza di un ragazzo, dentro la ormai famosa stanza azzurra e la sua liberazione solo quando il ragazzo rompeva il vetro con una scarpa.

Insomma maltrattamenti vari e pesanti nei confronti degli ospiti come documentato dalle riprese delle 6 telecamere nascoste dai carabinieri. La vicenda emerse dopo le indagini nel 2014, e portò all'arresto degli educatori.


di Roberto Guidotti  
redazione@viveresanbenedetto.it





Questo è un articolo pubblicato il 22-12-2017 alle 23:33 sul giornale del 23 dicembre 2017 - 719 letture

In questo articolo si parla di attualità, san benedetto del tronto, articolo, Roberto Guidotti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQaT





logoEV
logoEV