Mal di Schiena: una piaga sociale

16/10/2017 - Le statistiche rivelano che almeno una volta nella vita mal di schiena e dolore cervicale colpiscono tutti

Monte San Pietrangeli: La schiena è un organo alquanto complesso che svolge contemporaneamente funzioni di sostegno, di movimento e di protezione del midollo nonché delle radici nervose. Sono almeno quindici milioni gli italiani che soffrono di patologie come lombalgia, discopatie, stenosi ed ernia del disco lombare. Quest’ultima interessa soprattutto i giovani e gli adulti tra i 20 e i 50 anni. Si calcola che il 44% delle persone che per la prima volta accusano dolori alla colonna vertebrale supera la crisi nel giro di una settimana. Eppure una percentuale più alta (70-90%) accuserà un secondo attacco, poi un terzo e così via finché il male diventerà cronico. Con il passare del tempo, esso tenderà a estendersi alle ginocchia, alla parte posteriore delle cosce, alle spalle e agli avambracci. I fattori che determinano tali disturbi possono essere molteplici: l’aumento dell’età media della popolazione, l’uso smodato dell’automobile, assumere posizioni obbligate (si pensi ad esempio a chi lavora in catena di montaggio o agli imbianchini) o poco corrette e sicuramente uno stile di vita prevalentemente sedentario. La prima Back School (scuola della schiena) risale al 1970 in Svezia per opera di Zachrisson e Forsell seguita da quella canadese di Hall, da quella neozelandese di McKenzie e da quella americana. Per intervenire laddove il disturbo sia già presente o per scongiurarlo occorre imparare a muoversi meglio, controllare il proprio peso ed evitare quanto di più dannoso per la nostra schiena. In sintesi è preferibile camminare per 30-40 minuti al giorno, stirarsi e allungare i muscoli della schiena. La situazione ottimale sarebbe quella di dedicare due o tre giorni a settimana all’attività fisica e adottare, magari quando si è seduti, delle posizioni che favoriscano il sostegno della colonna.


di Ivana Esposito
redazione@viverefermo.it




Questo è un articolo pubblicato il 16-10-2017 alle 06:30 sul giornale del 17 ottobre 2017 - 1575 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, medicina, malattie, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aN1N