Monte Urano, la scuola "Regina Margherita" cresce ed è una certezza per la comunità. Dal 1905

3' di lettura 27/09/2017 - Intervista alla Presidente Elisabetta Pieragostini: "Difficoltà economiche, pochi spazi, ma un grande gioco di squadra con i genitori". Settantotto alunni suddivisi in quattro classi. Sono dieci gli addetti che ci lavorano.

Abbiamo incontrato Elisabetta Pieragostini, Presidente della Scuola Infanzia Paritaria "Regina Margherita", ci racconta il difficile lavoro di essere imprenditrice, "preside" e mamma. Da qualche anno è Presidente del Consiglio di Amministrazione della scuola e grazie al suo impegno e di tutto il consiglio è riuscita a ridare stabilità e futuro alla scuola.

Dopo l'inagibilità del cinema, il trasferimento della scuola media sono rimasti l'asilo "Regina Margherita" e Comune nel creare movimento nel centro storico cittadino. L'istituto scolastico è stato fondato nel 1905 ad opera delle suore, attualmente ospita 78 alunni ed 10 addetti tra insegnanti, assistenti, cuochi e bidelli. Il Consiglio di Amministrazione è formato da: Walter Pierini, Giusepe Bartolozzi, Gianni Martinelli, Giordana Gironacci, Moira Monaldi, Claudia Mazzoni, Luana Fabiani, Maria Nasini, Cristina Pierini, Don Luigi. Scadenza nel 2018.

Da qualche anno alla guida della Scuola Regina Margherita. Una vera propria sfida. Si può tracciare un bilancio?

Si, sicuramente è una sfida che stiamo portando avanti con impegno, infatti i risultati ci ripagano dei nostri sforzi, le iscrizioni sono aumentate pertanto siamo fiere del lavoro svolto e la nostra soddisfazione cresce di pari passo.

Quali sono le difficoltà che si incontrano nel gestire questa storica realtà cittadina?

Le difficoltà sono di tipo economico, sicuramente l’impegno dei genitori nell’organizzare eventi durante il corso dell’anno e la risposta positiva delle famiglie risulta essere una formula vincente e colgo l’occasione per ringraziarli pubblicamente.

In questi ultimi anni c'è stato un vero e proprio incremento di iscritti. In cosa consiste l'offerta formativa?

L’offerta formativa è ampia c’è una programmazione che varia di anno in anno, affiancata a dei progetti di musica ed inglese che accompagnano i bambini per tutto il periodo scolastico (tutte le fasce d’età). Altra novità è lo yoga per bambini a partire dal mese di gennaio fino alla fine dell’anno scolastico, da non sottovalutare i gettonatissimi laboratori pomeridiani a cadenza bisettimanale con un orario che va dalle ore 16.00 alle ore 18.00 in cui si alternano laboratori di pittura, riciclo creativo, cucina e giardinaggio.

Quali sono le novità per questo anno scolastico?

Quest’anno i bambini verranno introdotti in un viaggio magico alla scoperta del sistema solare, un argomento di gran fascino per i bambini. Altra novità è la presenza di un’educatrice di madrelingua inglese che affiancherà le insegnanti durante le attività didattiche.

Oltre alle novità ci sono delle certezze. La vostra scuola è l'unica che è rimasta nel centro storico dopo il sisma del 2016 e si candida ad essere uno dei motori che ravvivano il cuore storico della città. Una responsabilità?

La scuola è stata sottoposta a tutti i controlli del caso ed è risultata idonea, quindi, una realtà solida a tutti gli effetti.

Ci sono particolari esigenze nella sua struttura?

La scuola accoglie un centro infanzia che va dai 17 mesi ai 3 anni di vita, il numero dei posti è ristretto rispetto alla richiesta, questo perché è direttamente proporzionale agli spazi che abbiamo a disposizione, quindi certo un grande sogno sarebbe ampliare la struttura.

E' mai venuto il desidero di tornare bambina?

Certo ogni volta che varcando la soglia della scuola respiro quest’atmosfera magica che mi fa venire voglia di tornare bambina.






Questo è un articolo pubblicato il 27-09-2017 alle 05:30 sul giornale del 28 settembre 2017 - 4724 letture

In questo articolo si parla di attualità, andrea leoni, fermo, monte urano, vivere fermo, scuola regina Margherita, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNoS





logoEV
logoEV