Dal MISE 26 milioni alle PMI per lo sviluppo di strategie di internazionalizzazione

2' di lettura 22/09/2017 - Possono partecipare tutte le micro, piccole e medie imprese, singolarmente o riunite in contratti di rete, che abbiano conseguito nell’ultimo esercizio ricavi pari ad almeno € 500.000,00, eccetto le start up innovative che possono non rispettare quest’ultimo requisito.

Nell’ambito della propria attività di informazione, lo Sportello Europa della Città di Fermo segnala che il Ministero per lo Sviluppo economico, con uno stanziamento di 26 milioni di euro – nel quadro del “Piano di Promozione straordinaria per il Made in Italy a sostegno delle Pmi, ha lanciato la 2° edizione del voucher per l’internazionalizzazione rivolto alle piccole e medie imprese che intendono avvalersi di temporary export manager (TEM) per migliorare la propria strategia di internazionalizzazione.
In particolare, attraverso il voucher, le imprese potranno usufruire di contributi a fondo perduto per l’acquisizione di prestazioni consulenziali erogate esclusivamente dalle società di temporary export management incluse in un apposito elenco predisposto dal Ministero di entità diversa a seconda dell’esigenza: un voucher di € 10.000 (€ 8.000 per chi ha beneficiato dell’aiuto nella precedente edizione) a fronte di un investimento di minimo € 13.000 oppure un voucher di € 15.000 a fronte di un contratto di servizio del valore minimo di € 25.000 elevabile di ulteriori € 15.000, subordinati al raggiungimento di risultati particolarmente positivi in termini di vendite all’estero, secondo modalità che verranno specificate più avanti.
“La quota di export è sempre più rilevante nella nostra economia, soprattutto in assenza di una forte domanda interna - – ha dichiarato l’Assessore alle Attività Produttive Mauro Torresi – per questo ritengo si tratti di uno strumento e di un’opportunità da cogliere per le nostre imprese, per consolidare i rapporti con i mercati stranieri conosciuti e per aprirsi a quelli nuovi in maniera efficace”.
Possono partecipare tutte le micro, piccole e medie imprese, singolarmente o riunite in contratti di rete, che abbiano conseguito nell’ultimo esercizio ricavi pari ad almeno € 500.000,00, eccetto le start up innovative che possono non rispettare quest’ultimo requisito.
Le Pmi che intendono richiedere l’accesso ai voucher potranno iniziare la compilazione online della domanda a partire dal 21 novembre 2017.
L’apertura dello sportello è prevista dalle 10 del 28 novembre. Il Ministero procederà alla concessione delle agevolazioni secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande di agevolazione e nei limiti delle risorse disponibili. Ulteriori informazioni in merito allo strumento possono essere richieste scrivendo a: exportvoucher@mise.gov.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-09-2017 alle 14:30 sul giornale del 23 settembre 2017 - 351 letture

In questo articolo si parla di economia, fermo, Comune di Fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNg1





logoEV
logoEV