Porto Sant'Elpidio: "Città e Futuro", uniti per un cambiamento possibile

3' di lettura 04/09/2017 - Pubblicizzato già da alcuni giorni, tramite una pagina Facebook, volantini e manifesti affissi in città, è stato presentato ieri sera alla cittadinanza il progetto "Rotta per il futuro" promosso dal nuovo movimento CITTA' E FUTURO

Porto Sant'Elpidio: Molte le presenze registrate, tantissimi cittadini, alcuni esponenti dell'attuale amministrazione con in testa il Presidente del Consiglio Vitaliano Romitelli e molti di quelli che sono all'opposizione. Lo scopo della serata, che si è svolta nella sala congressi della Croce Verde, è stato introdotto da Paolo Pistilli (referente del gruppo): "Il nostro obiettivo è quello di capire se c'è qualcuno che sente il bisogno di cambiare qualcosa e voglia partecipare affinché questo cambiamento sia possibile". Non a caso "Insieme per essere protagonisti del cambiamento. Partecipa!" è lo slogan che promuove l'evento. Pistilli spiega: "CITTÀ E FUTURO è fatta da un gruppo di persone che non vogliono sentirsi dire che non è possibile fare qualcosa". La mission del gruppo chiarisce qual'è lidea: "CITTÀ E FUTURO vuole essere un insieme di competenze che metta sempre al centro le esigenze della collettività attraverso un gruppo di persone che vogliano esserne rappresentanti. Un progetto innovativo che sviluppi iniziative e azioni in grado di tracciare la rotta per la crescita della città." Tre sono stati gli interventi che accompagnati da contributi video hanno toccato i temi più sentiti dai cittadini imprenditoria, sicurezza e sviluppo. Lucia Ferroni, avvocato, che da due anni ha lasciato il proprio lavoro dopo dodici anni di attività ha dato testimonianza che non bisogna aver paura di cambiare e di come a volte sia necessario e possibile; il cambiamento le ha permesso di migliorare la qualità della propria vita. Il secondo contributo è di Lorenzo Pezzola, poliziotto appartenente al Sindacato autonomo di polizia. "Sono qui perché il progetto che mi è stato esposto da CITTÀ E FUTURO mi piace soprattutto perché pone particolare attenzione al tema della sicurezza" ha dichiarato Pezzola. Continua: "Si tratta di un tema sempre più attuale e difficile che andrebbe affrontato in maniera diversa. La pubblica amministrazione oltre che in eventi sportivi e di divertimento dovrebbe investire in materia di sicurezza approfittando del fatto che la normativa ha dato nuovi poteri agli enti locali." Ultimo ma non in ordine di importanza è stato l'argomento trattato da Giorgio Marcotulli (coordinatore provinciale del partito Fratelli d'Italia) che è intervenuto come tecnico fornendo un'analisi oggettiva delle maggiori opere pubbliche realizzate negli ultimi anni. Opere che hanno richiesto un grande investimento in termini economici ma che una volta realizzate non hanno dato i risultati auspicati, basti pensare alle tre zone industriali, al Teatro delle Api, al lungomare, agli interventi eseguiti per contrastare l'erosione. Succo del discorso è che a questo punto bisogna capire come intervenire per trarre vantaggio dalle opere già realizzate e interessarci maggiormente di quelle finora trascurate, quali la cura del decoro urbano e del verde in particolare della pineta, fiore all'occhiello del nostro paese, sulla quale non si è intervenuti adeguatamente. L'obiettivo è quello di pianificare insieme, formando una squadra, il domani della terra in cui viviamo e costruire un futuro per i nostri figli, che hanno diritto ad una città che li sappia accogliere, valorizzare, entusiasmare, e non sia invece causa della loro fuga. Anche se non è stato fatto alcun riferimento in merito si è percepito che non mancheranno le occasioni di dibattito che il gruppo "Città e Futuro" proporrà da qui ai prossimi mesi in vista delle elezioni amministrative 2018.


di Keti Iualè
redazione@viverefermo.it







Questo è un articolo pubblicato il 04-09-2017 alle 13:15 sul giornale del 05 settembre 2017 - 3051 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, keti iualè

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMGJ





logoEV
logoEV