P.S.Elpidio: Andrea Balestrieri, pugno duro con chi abbandona i rifiuti

3' di lettura 24/06/2017 - Purtroppo chi agisce in questo modo incivile non si rende conto che il suo atteggiamento danneggerà indirettamente anche il suo portafoglio e direttamente la sua salute.

L'abbandono dei rifiuti è una piaga che affligge numerose aree del nostro territorio nazionale. Molti sono coloro che preferiscono scaricare ogni genere di rifiuto, per ovvie ragioni, in aree dismesse o considerate tali trasformandole in vere e proprie discariche a cielo aperto. Purtroppo chi agisce in questo modo incivile non si rende conto che il suo atteggiamento danneggerà indirettamente anche il suo portafoglio e direttamente la sua salute.
Anche nella nostra cittadina questo fenomeno, o meglio reato, è molto diffuso pertanto è necessario intervenire repentinamente. Andrea Balestrieri, Capogruppo Consiliare di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, si è espresso su questo tema scottante:
"L’abbandono di rifiuti è una forma di inciviltà che danneggia l’ambiente e causa degrado ed è per questo che l’amministrazione deve fermamente combattere più di quello che si sta facendo attualmente potenziando l’azione contro i comportamenti scorretti che deturpano in modo inaccettabile il territorio. Resta peraltro fondamentale la collaborazione dei cittadini, che invito a denunciare questa pratica indecorosa e incivile sia presso l’ufficio ambiente del comune sia alla polizia locale che già opera sul territorio ogni giovedì con il controllo a campione di rifiuti gettati in aree non autorizzate o male conferiti e applicando sanzioni previste dal regolamento comunale di polizia urbana ai trasgressori.
Agli inviti ai cittadini e a ciò che si sta facendo sul territorio si assiste nostro malgrado a diverse aree della città che sono solitamente diventate discariche abusive; basta recarsi davanti al cancello dell’eco centro di via Garda, al parcheggio del cimitero, a piazza Benedetto Croce nel quartiere Faleriense, a via Belgio nel quartiere centro e in diverse altre zone per vedere monitor, divani, materassi e anche rifiuti come scarti di lavorazioni di calzature ed altro. Tutto ciò offende profondamente tutti i cittadini che onestamente conferiscono i rifiuti in maniera corretta e che regolarmente pagano la tassa sui rifiuti anche con molto sacrificio; va usata quindi secondo me una linea ancora più dura nel controllo di queste azioni e sulla cifra sanzionatoria.
In molti comuni italiani e il più vicino al nostro è quello di Ascoli Piceno proprio in questi giorni si appresta a portare in Consiglio Comunale il nuovo regolamento sulla privacy per l’utilizzo dei dati sulle telecamere che servirà quindi a scattare “foto trappola” con apparecchiature a lettura targhe e a funzione grandangolare al fine di controllare l’ abbandono dei rifiuti in aree non consentite e procedere quindi ad elevare sanzioni anche di importo maggiore a quello in vigore sul regolamento comunale; il tutto rientrando nelle funzioni istituzionali dell’ente che ha il compito della tutela del territorio.
Propongo quindi all’ amministrazione di convocare quanto prima la relativa commissione consiliare aperta a tutti gli interessati e di studiare delle soluzioni insieme alla Polizia Locale per rivedere in primis la mappatura delle attuali telecamere e non escludere di rivederne il posizionamento proprio a favore di queste aree che ogni giorno sono prese d’ assalto da cittadini che non hanno il minimo buon senso nei confronti della collettività e della cittadinanza intera.
Il tempo della pazienza contro chi abbandona i rifiuti o non fa la raccolta differenziata correttamente è finito. I cittadini hanno tutte le informazioni su come smaltire correttamente i rifiuti e non possiamo più tollerare atteggiamenti che, oltre a deturpare il nostro territorio, non fanno altro che aumentare i costi del servizio con ricadute negative su tutti gli utenti."






Questo è un articolo pubblicato il 24-06-2017 alle 19:58 sul giornale del 26 giugno 2017 - 1738 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto sant'Elpidio, amministraione comunale, abbandono rifiuti, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aKDW