Creazione del Centro Clinico "Nemo" nelle Marche, la Giunta ratifica il protocollo d'intesa con le Associazioni

consiglio regionale 2' di lettura 08/06/2017 - Busilacchi: “Un passo avanti decisivo per la nascita della struttura specializzata. Non posso che esprimere soddisfazione per questo risultato, per ottenere il quale il gruppo Pd ha lavorato con determinazione”

«Non posso che esprimere soddisfazione per l'impegno concreto che stanno dimostrando la giunta ed il presidente, Luca Ceriscioli, per dotare la regione Marche di un Centro clinico specializzato per malati neuromuscolari. Oggi si è compiuto un altro passo importante per ottenere un risultato per il quale il gruppo Pd ed io personalmente abbiamo lavorato con determinazione, credendo fortemente nel progetto. La nascita di un centro Nemo è una conquista per le persone affette da queste patologie e per i loro familiari, che potranno contare su un'assistenza qualificata ed adeguata alle loro esigenze. Ma è una conquista anche per tutto il sistema sanitario regionale e per il territorio, sempre più vicino cittadini ed in grado di offrire loro servizi di eccellenza».
Così il capogruppo democratico in Consiglio regionale, Gianluca Busilacchi, commenta la notizia diffusa dallo stesso Ceriscioli sulla ratifica della giunta del protocollo d’intesa per l’apertura di un'apposita struttura in collaborazione con le sette associazioni di riferimento che si occupano da anni dell’assistenza alle persone affette da queste patologie ed alle loro famiglie.
Il progetto, come comunicato dal presidente, prenderà avvio una volta approvata la proposta di legge sulle “sperimentazioni gestionali”, ed è articolato in linea con il modello gestionale del “Nemo”, il centro clinico ad alta specializzazione che lavora già da anni con successo in Italia in quattro sedi operative: Milano, Roma, Messina e Arenzano.
Inizia così a prendere forma uno degli obiettivi fissati dal presidente Ceriscioli e della giunta lo scorso aprile, anche a seguito di un'interrogazione del capogruppo Busilacchi sul tema. Nel documento il consigliere sottolineava come la costituzione di un centro Nemo delle Marche avrebbe consentito «un lavoro interdisciplinare degli specialisti e la loro presenza fissa nella struttura e non a chiamata da altri reparti, migliora ancora l'assistenza e la cura dei pazienti ed il sostegno alle loro famiglie». Un'analisi che aveva trovato concorde il presidente ed assessore alla sanità, Ceriscioli, che in aula, rispondendo all'interrogazione, aveva ribadito l'importanza della struttura per integrare i servizi neurologici dell'ospedale regionale di Torrette, già attivatosi per trovare gli spazi più idonei. Ora lo step della ratifica del protocollo d'intesa, in attesa dell'approvazione della legge sulle “sperimentazioni gestionali”.
Tra gli obiettivi e le funzioni del centro Nemo: la promozione di terapie cliniche e riabilitative che mirino a limitare i danni causati dalla progressiva immobilità, la prevenzione delle stesse malattie neuromuscolari grazie alla ricerca clinica ed alla consulenza genetica, con la conseguente indicazione dei portatori sani di tali patologie, per informarli degli eventuali rischi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-06-2017 alle 16:01 sul giornale del 09 giugno 2017 - 607 letture

In questo articolo si parla di attualità, marche, Assemblea legislativa delle Marche, servizi, consiglio regionale, assistenza malati, Malattie neuromuscolari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aJ0C





logoEV
logoEV