Sant'Elpidio a Mare: il Piano di Protezione Civile digitalizzato "fiore all'occhiello" dell'Amministrazione Comunale

2' di lettura 21/05/2017 - Presso la sede della Protezione Civile di via Fontanelle si è tenuta una riunione informativa dove il Sindaco Alessio Terrenzi ed il Comandante della Polizia Locale Magg. Tofoni Stefano sono intervenuti per presentare il nuovo Piano di Protezione Civile

Sant'Elpidio a Mare: All'incontro erano presenti il coordinatore Massimiliano Castignani, il Vice Comandante Ten. Paolucci Mascia, il Prof. Maurizio Zingarini (Referente Provinciale), Francesco Maria Ermani della Servizi Professionali Innovativi ed i volontari della locale Protezione Civile.
L'amministrazione comunale è particolamente attenta alla gestione delle emergenze per cui nel tempo è ricorsa a vari strumenti di gestione delle criticità potenziali o in atto. Due anni fa ha aderito ad un servizio gratuito di informazione delle criticità tramite l'app denominata "FlagMii", successivamente ha attivato il C.O.C. Centro Operativo Comunale ed ora ha provveduto ad aggiornare il Piano di Protezione Civile e ad informarne la cittadinanza con la consegna di 7.000 opuscoli.
Il Piano Comunale di Protezione Civile consente alle Autorità di predisporre e coordinare gli interventi di soccorso atti a fronteggiare situazioni di particolare gravità a seguito di episodi calamitosi. Deve essere costantemente aggiornato per poter avere uno scenario d’intervento chiaro ed essere consultabile in forma grafica sul sito comunale per informare correttamente la cittadinanza su dove andare e cosa fare in caso di emergenza.
Per questo motivo il Comune di Sant’Elpidio a Mare ha provveduto alla digitalizzazione del Piano di Protezione Civile aderendo a Prevenzione Facile di Servizi Professionali Innovativi. Il Piano è stato realizzato tramite la web application in cloud Gpec con la quale può essere aggiornato in modo semplice ed intuitivo, per poi condividerlo in tempo reale con tutta la cittadinanza. Il Piano elaborato con Gpec prevede: i piani di evacuazione; la stima del rischio di tutte le minacce; la mappatura delle infrastrutture locali (POI); la mappatura delle aree; il supporto alle organizzazioni. Il piano digitalizzato è a disposizione in due versioni: una più semplice consultabile dal cittadino tramite l'apposito link sul sito del comune ed una più articolata (contenente anche dati sensibili) consultabile soltanto dal Comune. Tofoni ha ribadito quanto possa essere importante che anche i comuni limitrofi si attivino per la digitalizzazione per far si che la macchina dell'emergenza si muova in maniera ottimale. Tutti sono stati invitati a scaricare l'app "FlagMii" che è tralaltro gratuita. Da non dimenticare che l'informazione corretta e quanto più possibile completa diretta a tutta la popolazione si rivela il primo ed imprescindibile strumento di tutela della pubblica sicurezza ed incolumità.


di Keti Iualè
redazione@viverefermo.it







Questo è un articolo pubblicato il 21-05-2017 alle 08:33 sul giornale del 22 maggio 2017 - 2052 letture

In questo articolo si parla di attualità, protezione civile, volontariato, digitalizzazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aJzp