Fermo: Ansia e Panico, manifestazioni sempre più diffuse

2' di lettura 19/05/2017 - Come dice Freud spesso ci troviamo a sacrificare gran parte della nostra libertà per un pizzico di sicurezza

Respiro affannato, batticuore, sudorazione, tremolio, costrizione al petto: queste sono solo alcune tra le numerose e varie manifestazioni di ansia e panico che possono assumere forme e colori distinti, unici proprio come la persona che li sperimenta.
Sintomi che possono arrivare a travolgere, e trascinare in un vortice apparentemente senza fine, e con intensità così importanti da far temere, alla persona che lo sperimenta, di arrivare ad un attacco cardiaco o a vivere una sensazione di morte imminente.
Di fronte a tali movimenti capita di porsi delle domande, interrogativi sul perché accade, proprio a noi, innescando una lotta contro quelle sensazioni vissute sulla propria pelle.
L'ansia racconta infatti un conflitto tra ciò che desideriamo e ciò che non possiamo avere, tra un SI agognato e un No forzato, tra emozioni sentite ed emozioni rapite, tra bisogni propri e altrui. Come dice Freud spesso ci troviamo a sacrificare gran parte della nostra libertà per un pizzico di sicurezza.
I comportamenti di evitamento delle situazioni che evocano ansia (es. luoghi affollati, ascensori, automobile...) sono molto diffusi in chi soffre di questi disturbi e comportano un restringimento del campo di attività sempre più invalidante.
Le persone possono arrivare a interrompere la loro attività lavorativa, isolarsi da amici e parenti, chiudersi in casa per paura che una nuova crisi possa verificarsi. Così facendo la qualità della vita cala drammaticamente, rendendo l'esistenza una sorta di tortura, con rare oasi di benessere. Spesso l'utilizzo di strategie di rilassamento è decisivo per le persone che soffrono di ansia e attacchi di panico. Respirazione, strategie immaginative, training autogeno o rilassamento muscolare progressivo producono nel soggetto una diminuzione dell'attivazione organica (battito cardiaco, respirazione, sudorazione...), consentendo il ritorno a una condizione di quiete.


da dott.ssa Alessandra Mosca
psicologa
 

 





Questo è un articolo pubblicato il 19-05-2017 alle 19:24 sul giornale del 20 maggio 2017 - 1931 letture

In questo articolo si parla di psicologia, attualità, ansia, attacchi di panico, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aJxz

Leggi gli altri articoli della rubrica psicologia





logoEV