Fermo: Disabilità e integrazione sociale attraverso lo sport

2' di lettura 28/04/2017 - Per poter modificare l'atteggiamento culturale sulla disabilità, occorre prendere coscienza di cosa essa significhi, attivando processi empatici, di rispetto, solidarietà e inclusione positiva. Lo sport può aiutare molto

Fermo: L'integrazione sociale è un elemento fondamentale per lo sviluppo di una personalità sana ed armoniosa. Contribuisce in maniera determinante al corretto sviluppo dell'identità e dell'autostima, per cui è un elemento che va promosso è realizzato all'interno delle relazioni primarie e secondarie. Il livello di integrazione sociale in fasce particolari di popolazione come quella disabile per esempio, può essere individuato anche attraverso la valutazione del grado di partecipazione alle attività sociali tra cui quelle sportive a livello sia agonistico che amatoriale. Lo sport può considerarsi infatti un mezzo privilegiato d'integrazione: vediamo il perché. Il disabile si trova nel corso della sua esperienza a far fronte a numerose difficoltà sia a livello dell'autonomia personale sia di quello della socio-affettività. Grazie all'attività sportiva si agisce sulle abilità individuali, favorendo lo sviluppo delle capacità innate e l'acquisizione di nuove e diverse abilità. Attraverso lo sport la persona disabile può mettersi in gioco e sperimentarsi, imparare a controllare il proprio corpo, sviluppare il senso di autoconsapevolezza e la fiducia nelle proprie capacità, scoprire di avere abilità inaspettate e fare l'esperienza dell'autoefficacia. Lo sport, migliorando lo schema corporeo, le capacità coordinative e la consapevolezza della propria corporeità, concorre in larga misura alla formazione del senso di identità. Dal punto di vista dei rapporti sociali, indubbiamente la fiducia in se e una positiva identità personale giocano un ruolo importante. Ma lo sport non contribuisce solo in questo. Lo sport, essendo caratterizzato da competizione e regole, concorre anche a migliorare le capacità di interagire con gli altri.


da dott.ssa Alessandra Mosca
psicologa
 

 





Questo è un articolo pubblicato il 28-04-2017 alle 00:12 sul giornale del 29 aprile 2017 - 1134 letture

In questo articolo si parla di psicologia, attualità, sport, disabilità, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aIQn





logoEV
logoEV