Fermo: Piani Individuali di Risparmio (PIR). Investire sull’Italia ottenendo benefici fiscali

1' di lettura 05/04/2017 - In Italia i PIR rappresentano un’assoluta novità introdotta con l’ultima Legge di Stabilità, mentre in altri stati europei sono strumenti di investimento già ampiamente in uso

Fermo: Le Piccole e Medie Imprese italiane vivono una fase piuttosto complessa in cui l’esigenza di investire nell’innovazione aziendale si scontra con la difficoltà di reperire fondi, che le banche concedono con crescente difficoltà. Nasce, quindi, la necessità di trovare nuovi canali di finanziamento. I PIR sono dei Piani Individuali di Risparmio che hanno lo scopo di raccogliere fondi da destinare alle piccole e medie imprese italiane o estere con sede in Italia. Garantiscono ai sottoscrittori, che possono essere esclusivamente persone fisiche residenti nel territorio dello Stato italiano, un abbattimento di tutto il carico fiscale: non si pagheranno tasse su capital gain, dividendi, successioni e donazioni. I PIR non hanno una durata massima, mentre è definita una durata minima di 5 anni per poter beneficiare dello sgravio fiscale del 100% sui redditi da capitale e redditi diversi (capital gain e proventi) e dall’imposta sulle successioni e donazioni. Se le somme vengono riscosse prima dei 5 anni il risparmiatore deve versare la normale tassazione del 26% su quanto ha guadagnato, sia in termini di capital gain che sui dividendi percepiti. Questi importanti incentivi fiscali hanno il duplice scopo di supportare l’economia reale agevolando l’accesso al credito delle imprese e, contemporaneamente, favorire l’investimento a media-lunga scadenza per le famiglie italiane. I PIR, dunque, rappresentano un’interessante opportunità di investimento verso cui convogliare una quota del proprio risparmio, nel pieno rispetto del criterio di diversificazione che non può mai mancare in una corretta pianificazione finanziaria.


I suggerimenti del Consulente Finanziario  
Paolo Berdini
paolo.berdini@pec.it





Questo è un articolo pubblicato il 05-04-2017 alle 14:33 sul giornale del 06 aprile 2017 - 1901 letture

In questo articolo si parla di economia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aIdh





logoEV
logoEV